Sei qui:  / Articoli di mafie
mafie
  • Regione Siciliana, manovre e affari

    Tra i soggetti verso i quali si era appuntata l'attenzione delle interrogazioni illecite allo S.D.I. si annoverano, come visto, Gaetano ARMAO e Giulio CUSUMANO, i…

     
  • Gli spioni a servizio permanente

    Una delle dimostrazioni più eclatanti della serietà dei propositi di vendetta di MONTANTE, aduso alla repressione del dissenso come nei più chiusi regimi dittatoriali, la…

     
  • La “contro inchiesta” del Cavaliere Montante

    PRIMI ATTI DI INQUINAMENTO DEL PANORAMA INVESTIGATIVO Mentre i collaboratori di giustizia rendevano dichiarazioni sul conto di MONTANTE, questi avviava una raccolta di informazioni nei…

     
  • La tentata violenza ad Alfonso Cicero

     Volendo tracciare un bilancio provvisorio delle acquisizioni fin qui esaminate, il quadro che si profila è quello di una spiccata attitudine di MONTANTE alla manipolazione…

     
  • La paura per la “cantata” del pentito

     Le vicende fino ad ora ricostruite rappresentano, in qualche modo, il prodromo logico-fattuale di due condotte ascritte a MONTANTE: la tentata violenza privata nei riguardi…

     
  • Quell’antimafia tanto folk (e bugiarda)

      MONTANTE, all'esito di quanto fin qui ricostruito, non appare ergersi quale paladino dell'antimafia, come i suoi difensori lo hanno definito, a meno che della…

     
  • Don Piddu, don Paolino e don Vincenzo

    Si è detto come le indagini sul conto di MONTANTE fossero state inizialmente articolate intorno all'ipotesi di concorso esterno in associazione mafiosa. Nei paragrafi che…

     
  • L’invasione in Italia dei Don nigeriani

    di Sergio Nazzaro Sergio Nazzaro è l'autore di "Mafia Nigeriana, la prima indagine della Squadra Antitratta”, edizioni Città Nuova) Anno 2009. Torino. Operazione Milord Militari…

     
  • “Sputare fuoco” e terribili vendette

    di Sergio Nazzaro Sergio Nazzaro è l'autore di "Mafia Nigeriana, la prima indagine dell Squadra Antitratta”, edizioni Città Nuova Sputare il fuoco. Ejor non lo…

     
  • Come i Cults somigliano agli ‘ndranghetisti

    di Sergio Nazzaro Il pubblico ministero di Torino Stefano Castellani L’esperienza giudiziaria (parlo sia dei processi del 2005-2006, che delle operazioni, che dei processi più…

     
  • Da Benin City all’inferno

    di Sergio Nazzaro Sergio Nazzaro è l'autore di "Mafia Nigeriana. La prima indagine della squadra antitratta edizioni Città Nuova” Il traffico di esseri umani, considerato…

     
  • Mio zio Cesare

    di Fabrizio Zanca L'autore dell'articolo è uno dei nipoti del giudice Cesare Terranova “Nino, non aver paura di tirare un calcio di rigore...” è il…

     
  • Una mutilazione familiare

    di Vincenzo Terranova Il giudice e la moglie Giovanna durante un viaggio - L'autore del testo è il nipote Vincenzo Terranova Ci sono eventi funesti…

     
  • Cosa è la mafia e come va combattuta

    di Cesare Terranova Intervento in Commissione parlamentare antimafia - Seduta del 16 luglio 1975  La Commissione parlamentare d'inchiesta sul fenomeno della mafia in Sicilia, istituita…

     
  • Un giusto nel delirio di Palermo

    di Bruno Caruso Bruno Caruso, pittore, un amico del giudice Terranova Il ricordo di Cesare Terranova è uno di quei ricordi struggenti ai quali non…

     
  • Una voce inascoltata

    di Aldo Rizzo Aldo Rizzo, alla sinistra di Giovanni Falcone - Magistrato, deputato della Sinistra Indipendente, vice sindaco della prima giunta Orlando a Palermo I…

     
  • La sua ultima intervista sulla mafia

    di Anna Pomar Un ritratto di Cesare Terranova con alle sue spalle il boss Luciano Liggio firmato dal pittore Bruno Caruso  Cesare Terranova, magistrato di…

     
  • Un omicidio “preventivo”

    di Emanuele Macaluso Il giudice Terranova insieme ad Emanuele Macaluso negli Anni Settanta Ricordo sempre quel giorno del 1972 che incontrai a casa sua Cesare…

     
  • Lo “stile” di Mori e compagnia cantante

    Come si è visto, le risultanze che qui ora occorre esaminare si fondano sull'esito delle investigazioni compiute, su specifiche deleghe della Procura della Repubblica di…

     
  • L’attentato mancato allo stadio Olimpico

    Sulla mancata strage dello stadio Olimpico di Roma vi sono, innanzitutto, le risultanze consacrate nelle sentenze della Corte di Assise e della Corte di Assise…

     
  • Il 41 bis e quella brutta aria

    La linea del D.A.P. dopo la nomina dei nuovi vertici esposta nel documento del 26 giugno 1993 era stata nell'immediato sostanzialmente disattesa dal Ministro della…

     
  • La stagione dei sequestri di persona

    a cura della redazione di Cosa Vostra Nel libro “Mafia come M” abbiamo voluto inserire anche la stagione dei sequestri di persona avvenuta in Veneto…

     
  • Passaggio a Nordest, la via della droga

    a cura della redazione di Cosa Vostra Nel libro “Mafia come M”, tenendo presente quanto sia importante il valore della memoria, non solo delle vittime…

     
  • L’enigmatico Felice Maniero

    a cura della redazione di Cosa Vostra Nel libro “Mafia come M. La criminalità organizzata nel Nordest spiegata ai ragazzi” - Linea Edizioni, trova spazio…

     
  • Paolo Borsellino non voleva “trattare”

    A quanto sopra osservato deve aggiungersi che le anomalie nell’attività di indagine continuarono anche nel corso della “collaborazione” dello Scarantino, caratterizzata da una serie impressionante…

     
  • Va in scena il grande depistaggio

    Le dichiarazioni di Vincenzo Scarantino sono state al centro di uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana, che ha condotto alla condanna alla…

     
  • Le calunnie del “pupo”

    All’imputato Vincenzo Scarantino viene contestato il delitto di calunnia continuata e aggravata (artt. 61 n. 2, 81 cpv. e 368, commi 1 e 3 c.p.),…

     
  • Il testimone “imbeccato” a dovere

    Si devono ora analizzare le dichiarazioni rese da Francesco Andriotta nell’ambito dell’odierno dibattimento, anche rispetto a quelle rese negli interrogatori espletati in fase d’indagine preliminare…

     
  • Un summit che non c’è mai stato

    Allo stesso modo, non veniva ritenuta credibile nemmeno la parte del racconto di Andriotta, in cui questi si adeguava alla narrazione, sopravvenuta, della fonte primaria.…