Sei qui:  / Articoli di Vincenzo Vita
Vincenzo Vita
  • Comunicazione, governo senza politica

    Tra le anomalie permanenti dell'eterno caso italiano (progressivo negli anni settanta dello scorso secolo e ora mero impaccio per lo sviluppo democratico) c'è la piaga…

     
  • La causa si è persa

    Ha pro­fon­da­mente ragione Ste­fano Rodotà a dire che in un incon­tro sulla riforma elet­to­rale conta anche «chi» si siede al tavolo. E Sil­vio Ber­lu­sconi non è un inter­lo­cu­tore…

     
  • Tv, questa sconosciuta

    "Tu che continui a dirmi che verrà domani e non capisci che per me il domani e' già passato", così uno dei versi più belli e famosi di Alda Merini ("Non avessi sperato in te"). L'amara invocazione si potrebbe girare a Matteo Renzi ed Enrico Letta, che nelle rispettive agende hanno -almeno finora- rimosso il capitolo storicamente doloroso del conflitto di interessi. Nonché quelli connessi di una moderna regolazione del sistema dei media, e di urgenti nuovi criteri di nomina del vertice della Rai

     
  • Vecchia e analogica

    Bello e con­di­vi­si­bile l’appello sull’Europa lan­ciato sulle pagine de «il mani­fe­sto» lo scorso 22 dicem­bre. Si chiede giu­sta­mente un’inversione di rotta rispetto alle tri­sti e viru­lente poli­ti­che…

     
  • La terza età della Rai

    La televisione italiana iniziò i suoi programmi ufficiali il 3 gennaio del 1954, sotto il segno del Capricorno, tenace e caparbio. In un altro 3/1…

     
  • ‘Na tazzulella e’ café

    'Na tazzulella e' café ", cantava Pino Daniele qualche anno fa. E' il regalo fatto ai cittadini italiani dal ministero dello sviluppo, tenendo bloccato il…

     
  • Occhio alla Google tax

    Un passo avanti e due indie­tro. Così si potrebbe dire dell’attività del governo e delle isti­tu­zioni in mate­ria di inno­va­zione. Una nota posi­tiva è stata l’introduzione del prin­ci­pio…

     
  • Le primarie in Tv

    Comun­que le si voglia giu­di­care le pri­ma­rie del Pd sono un rile­vante momento di mobi­li­ta­zione, che va al di là di una sem­plice sca­denza di…

     
  • La banda dimenticata

    Uno tra i più brillanti film della commedia nordamericana anni settanta - «La Stangata» di George Roy Hill con Paul Newman e Robert Redford, con…

     
  • Digitale di periferia

    Enrico Letta ha incaricato tre esperti (in verità due - il professore francese Pogorel e il consulente americano Scott Marcus- che si aggiungono al responsabile…

     
  • Media e politica: liaisons dangereuses

    La prevedibile uscita dalla scena istituzionale di Silvio Berlusconi introduce una sorta di spartiacque nella ricerca sul rapporto tra televisione e politica. Vent’anni di pratica,…

     
  • Serve una bella patrimoniale “digitale”

    Difendere la rete è un dovere politico, civile e morale. Si tratta della principale intelaiatura della biblioteca dei saperi dell'età digitale e mettere bavagli è…

     
  • Internet da amare

    Già nel maggio del 2011 a Parigi nel primo Internet Forum del G8 svoltosi sotto l'egida di Sarkozy, si capiva che anche nella famiglia dei…

     
  • Per i giornali «altri»

    Il 30 ottobre alla sala della Mercede della camera, l'Alleanza delle cooperative (raggruppamento unitario delle diverse sigle, la più nota è Mediacoop), Fnsi, Slc-Cgil, Unione…

     
  • Il fanalino digitale

    Nel suo «Dizionario dei new media» (1999) Stefania Garassini definisce digitale «il modo di procedere dei moderni computer. Tutte le informazioni, di qualsiasi provenienza siano,…

     
  • Il 12 ottobre nel panino

    La manifestazione dello scorso sabato 12 ottobre sulla Costituzione italiana è stata molto sottodimensionata dai media italiani. Rapidi passaggi nei telegiornali (Tg1 e Tg2 di…

     
  • Contratto Rai avvelenato

    L'audizione (prevista oggi) presso la commissione parlamentare di vigilanza sul servizio radiotelevisivo del viceministro allo Sviluppo Antonio Catricalà, che ha delega ad occuparsi di Rai,…

     
  • “Diversamente” teledipendenti

    La regina dei media non crolla e l'informazione televisiva tiene banco anche fra i nativi digitali, che però variano la loro dieta con rete, blog…

     
  • L’operetta Telecom

    Solo qualche giorno fa (finalmente) il caso di Telecom Italia era balzato in cima all'agenda delle priorità. Rimasta in sonno per anni, la storia dell'ex…

     
  • Esercizi di realismo

    Nella produzione culturale è tornato in scena il realismo, inteso come l'urgenza di raccontare cose e fatti veri. Senza i filtri più o meno edulcorati…

     
  • Buon compleanno Sergio

    Auguri, grande Sergio. Sei il maestro di tutti noi e a novant’anni sei più giovane di tanti “giovani di professione”. Fare un’intervista a Zavoli (ci limiteremo per prudenza a qualche domanda) è come voler parlare di fisica con Einstein o di filosofia con Hegel o di arte con Michelangelo. Già, perché le interviste di Zavoli sono quasi sempre dei capolavori. La “Notte della

     
  • Mediaset, il conflitto è permanente

    Mediaset contro il Capitale? Sembrerebbe di sì, se si osserva l'andamento della quotazione in borsa del titolo di un'azienda che non va molto bene e…

     
  • Cultura, serve il ’68

    Il bravo e tenace ministro Bray, titolare del dicastero dei beni e delle attività culturali e del turismo, non faccia quello che preconizzò un illustre…

     
  • Verso la manifestazione del 12 ottobre

    Si è tenuta a Roma domenica 8 settembre l’assemblea aperta sulla Costituzione promossa da Stefano Rodotà, Gustavo Zagrebelsky, Don Luigi Ciotti, Lorenza Carlassare e Maurizio…

     
  • Chi si comprerà Telecom Italia?

    Nelle telecomunicazioni - ex paradiso terrestre e ora settore ipermaturo- si lotta per vivere e sopravvivere. Ma venti di crisi si appalesano. Eccome. Vodafone si…

     
  • Siria: sabato a San Pietro contro la guerra

    Noi ci saremo. In piazza S.Pietro a Roma sabato prossimo contro la guerra in Siria. E raccogliamo volentieri l'appello di Papa Francesco, aderendo anche allo sciopero della…

     
  • Inesorabile declassamento della politica

    Personalità di indubbio valore e di conclamata autorevolezza nelle branche di sapere di cui sono eccellenti interpreti. Questo onestamente si deve dire di Claudio Abbado,…

     
  • Assange e il senso del “cypherpunk”

    È in preparazione l'attacco "chirurgico" alla Siria da parte degli Stati Uniti. L'ultima sequenza armata di una guerra da tempo in atto, quella che usa…

     
  • Una condanna che ci fa tornare al Medioevo

    Nessuno ha salvato il soldato Manning, cui il tribunale militare ha inflitto 35 anni di prigione e il congedo con disonore per aver fornito a WikiLeaks 700.000 file secretati inerenti alle attività diplomatiche e militari degli Stati Uniti “around the world”, in giro per il mondo. In realtà, si tratta di verità indicibili sulle guerre in Iraq e in Afghanistan. E il documento forse più clamoroso è il “Collateral murder”, che testimonia come nel luglio

     
  • Le lunghe ferie dell’Agcom

    Nella puntata precedente («Agcom, la bella addormentata» sul manifesto del 14 agosto) si diceva che l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni pare assistere silente e…

     
  • Agcom, la bella addormentata

    Da giorni e giorni gran parte dell'informazione radiotelevisiva ruota attorno a Silvio Berlusconi, spesso senza contraddittorio. La sentenza definitiva della Cassazione, che ha condannato -…

     
  • Diffamazione

    E' arrivato in aula , alla Camera dei deputati, il testo sulla diffamazione a mezzo stampa, varato nei giorni scorsi dalla commissione Giustizia. Relatori il…