Sei qui:  / Articoli di Vincenzo Vita
Vincenzo Vita
  • Per i giornali «altri»

    Il 30 ottobre alla sala della Mercede della camera, l'Alleanza delle cooperative (raggruppamento unitario delle diverse sigle, la più nota è Mediacoop), Fnsi, Slc-Cgil, Unione…

     
  • Il fanalino digitale

    Nel suo «Dizionario dei new media» (1999) Stefania Garassini definisce digitale «il modo di procedere dei moderni computer. Tutte le informazioni, di qualsiasi provenienza siano,…

     
  • Il 12 ottobre nel panino

    La manifestazione dello scorso sabato 12 ottobre sulla Costituzione italiana è stata molto sottodimensionata dai media italiani. Rapidi passaggi nei telegiornali (Tg1 e Tg2 di…

     
  • Contratto Rai avvelenato

    L'audizione (prevista oggi) presso la commissione parlamentare di vigilanza sul servizio radiotelevisivo del viceministro allo Sviluppo Antonio Catricalà, che ha delega ad occuparsi di Rai,…

     
  • “Diversamente” teledipendenti

    La regina dei media non crolla e l'informazione televisiva tiene banco anche fra i nativi digitali, che però variano la loro dieta con rete, blog…

     
  • L’operetta Telecom

    Solo qualche giorno fa (finalmente) il caso di Telecom Italia era balzato in cima all'agenda delle priorità. Rimasta in sonno per anni, la storia dell'ex…

     
  • Esercizi di realismo

    Nella produzione culturale è tornato in scena il realismo, inteso come l'urgenza di raccontare cose e fatti veri. Senza i filtri più o meno edulcorati…

     
  • Buon compleanno Sergio

    Auguri, grande Sergio. Sei il maestro di tutti noi e a novant’anni sei più giovane di tanti “giovani di professione”. Fare un’intervista a Zavoli (ci limiteremo per prudenza a qualche domanda) è come voler parlare di fisica con Einstein o di filosofia con Hegel o di arte con Michelangelo. Già, perché le interviste di Zavoli sono quasi sempre dei capolavori. La “Notte della

     
  • Mediaset, il conflitto è permanente

    Mediaset contro il Capitale? Sembrerebbe di sì, se si osserva l'andamento della quotazione in borsa del titolo di un'azienda che non va molto bene e…

     
  • Cultura, serve il ’68

    Il bravo e tenace ministro Bray, titolare del dicastero dei beni e delle attività culturali e del turismo, non faccia quello che preconizzò un illustre…

     
  • Verso la manifestazione del 12 ottobre

    Si è tenuta a Roma domenica 8 settembre l’assemblea aperta sulla Costituzione promossa da Stefano Rodotà, Gustavo Zagrebelsky, Don Luigi Ciotti, Lorenza Carlassare e Maurizio…

     
  • Chi si comprerà Telecom Italia?

    Nelle telecomunicazioni - ex paradiso terrestre e ora settore ipermaturo- si lotta per vivere e sopravvivere. Ma venti di crisi si appalesano. Eccome. Vodafone si…

     
  • Siria: sabato a San Pietro contro la guerra

    Noi ci saremo. In piazza S.Pietro a Roma sabato prossimo contro la guerra in Siria. E raccogliamo volentieri l'appello di Papa Francesco, aderendo anche allo sciopero della…

     
  • Inesorabile declassamento della politica

    Personalità di indubbio valore e di conclamata autorevolezza nelle branche di sapere di cui sono eccellenti interpreti. Questo onestamente si deve dire di Claudio Abbado,…

     
  • Assange e il senso del “cypherpunk”

    È in preparazione l'attacco "chirurgico" alla Siria da parte degli Stati Uniti. L'ultima sequenza armata di una guerra da tempo in atto, quella che usa…

     
  • Una condanna che ci fa tornare al Medioevo

    Nessuno ha salvato il soldato Manning, cui il tribunale militare ha inflitto 35 anni di prigione e il congedo con disonore per aver fornito a WikiLeaks 700.000 file secretati inerenti alle attività diplomatiche e militari degli Stati Uniti “around the world”, in giro per il mondo. In realtà, si tratta di verità indicibili sulle guerre in Iraq e in Afghanistan. E il documento forse più clamoroso è il “Collateral murder”, che testimonia come nel luglio

     
  • Le lunghe ferie dell’Agcom

    Nella puntata precedente («Agcom, la bella addormentata» sul manifesto del 14 agosto) si diceva che l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni pare assistere silente e…

     
  • Agcom, la bella addormentata

    Da giorni e giorni gran parte dell'informazione radiotelevisiva ruota attorno a Silvio Berlusconi, spesso senza contraddittorio. La sentenza definitiva della Cassazione, che ha condannato -…

     
  • Diffamazione

    E' arrivato in aula , alla Camera dei deputati, il testo sulla diffamazione a mezzo stampa, varato nei giorni scorsi dalla commissione Giustizia. Relatori il…

     
  • L’eccesso di potere dell’Agcom

    Maledetto il giorno in cui a qualcuno di noi venne in mente di immaginare l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, dotandola di poteri enormi, cross-mediali.…

     
  • La rete del papa

    La 28˚ Giornata mondiale della gioventù promossa dalla Chiesa cattolica si tiene in Brasile, uno dei paesi più rappresentativi delle contraddizioni del millennio. Ed è…

     
  • La Fiat non può guidare il Corsera

    La querelle su Rcs-Corriere della Sera ha accompagnato (e accompagna) la storia dei media italiani da un numero pressoché infinito di anni. Su queste stesse…

     
  • Ineleggibilità, perché sì

    Comincia oggi la discussione nella competente Giunta del Senato sull'ineleggibilità di Berlusconi. È un nervo scoperto, che si trascina dall'inizio della famosa scesa in campo…

     
  • Dopo il populismo berlusconiano, il deserto

    Anni di berlusconismo e, più recentemente, di mitologia tecnocratica hanno buttato l'Italia ai margini del villaggio globale. Nei non-luoghi delle periferie dell'impero. Gli esempi sono…

     
  • Un navigatore per la Rai

    VERSO IL CONVEGNO DEL 2 LUGLIO AL CNEL (Art.21/Fondazione Di Vittorio) – Che curioso il dibattito in Italia sulla Rai. Con la terribile vicenda greca sullo sfondo,…

     
  • L'”eccezione culturale”

    L’ ”eccezione culturale” è un modo gergale per parlare di un argomento cruciale: non equiparare la produzione culturale alle merci scambiate nel mercato. E quanto…

     
  • Telecom, ultimo miglio

    Lo scorporo della rete di Telecom, deciso nei giorni scorsi dal vertice del gruppo, è una «bomba ad orologeria». Nell'immediato potrebbe persino apparire una mera…

     
  • L’ineleggibilità secondo la Gasparri

    Il concetto di remediation (rimediazione, tradotto) è stato elaborato da due studiosi del Georgia Institute of Technology, Jay David Bolter e Richard Grusin. Sta a…

     
  • Processo Mediaset, confermata condanna Berlusconi. La verità processuale si completerà con il terzo grado di giudizio.Ma quella che riguarda tutti noi è chiara…

    La conferma in appello della condanna a Silvio Berlusconi sulla vicenda dei diritti televisivi squarcia pesantemente il clima delle "larghe intese". Chi si è occupato della questione della tv in questi anni conosce la portata di quanto è accaduto. Alla magistratura il ruolo che le compete e che va difeso strenuamente. Al mondo democratico

     
  • Governo, in bella copia ma di larghe intese

    Come nell’interpretazione dei testi, anche per il governo appena costituito è doveroso distinguere tra il “testo” e il “contesto”. Nella composizione dell’Esecutivo ci sono per…