Sei qui:  / Culture / “Roma Map fair” al via mostra-mercato di cartografia, libri di viaggio e stampe

“Roma Map fair” al via mostra-mercato di cartografia, libri di viaggio e stampe

 

Dopo la grande partecipazione in termini di pubblico e di espositori della prime due edizioni, ritorna anche per il 2019 “Roma Map Fair”, la mostra mercato specializzata, dedicata alla cartografia, agli atlanti, ai libri di viaggio ed alla vedutistica nella stampa antica.

La III edizione di Roma Map Fair – evento internazionale che vedrà la partecipazione di espositori da tutta Italia, ma anche da Germania, Francia, Cipro, Belgio, Inghilterra e dalla lontana Australia – si svolgerà nei giorni di venerdì 27 e sabato 28 settembre 2019 presso Finarte, negli antichi saloni di Palazzo Odescalchi, in piazza Santi Apostoli a Roma.

L’ingresso è libero, per consentire la più ampia partecipazione di pubblico. Orari di apertura: venerdì 27 Settembre, vernissage: 17.00 – 21.00; Sabato 28 Settembre no stop 10.00 – 20.00. Roma Map Fair 2019 sarà arricchita da una speciale Mostra sui libri antichi e curiosità dello Stato Pontificio.

L’organizzazione di Roma Map Fair si deve allo Studio Bibliografico Morghen guidato dall’esperto Gabriele Barbone. “La mostra nasce come momento di incontro e di raccordo tra espositori e collezionisti – spiega l’organizzatore – per rispondere al crescente interesse di appassionati, studiosi, collezionisti ed operatori del settore. Dopo la positiva esperienza di due edizioni di Napoli Map Fair, che ha visto migliaia di visitatori in pochi giorni, intendiamo proporre la terza iniziativa espositiva anche nella Capitale. C’è grande attesa, già da tempo e stiamo riscontrando un grande interesse”.

L’IMMAGINE DEL MONDO MEZZO MILLENNIO FA

Ad arricchire l’esposizione anche mappamondi del ‘500 e del ‘600 che ci offrono un’immagine straordinaria di come doveva apparire il pianeta, secondo la cartografia del tempo, compilata secondo gli studi dei geografi e soprattutto i resoconti di navigatori e viaggiatori. In particolare in mostra un Mappamondo tratto da: “La Mer des Hystoires”, prima edizione Lyon 1491, la copia è quella di Parigi del 1517. Notevole anche il Mappamondo pubblicato in “Nova totius Terrarum
Orbis Geographica ac Hydrographica tabula”, Amsterdam 1634.

LA CITTA’ ETERNA NELLE ANTICHE MAPPE DAL ‘500 AL PIRANESI

Incredibile la varietà e la preziosità di mappa di Roma in esposizione, con una speciale sezione che si concentra sulla cartografia dell’urbe eterna. Ce ne sono di straordinarie del ‘500 e del ‘600. Come quella di Antonio Tempesta (1555-1630) una incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Notevole anche la mappa di Roma attribuita a Antonio Lafreri – Roma 1552/60 circa che presenta alcune preziose indicazioni toponomastiche.

“Meno antica”, rispetto alla precedenti ma di grande bellezza è poi la mappa di Giovan Battista Piranesi, una acquaforte con la pianta topografica della città eterna del 1748.

ROMA MAP FAIR NEGLI SPAZI DI FINARTE A PALAZZO ODESCALCHI

Quanto mai prestigiosa la location, all’interno del Palazzo Odescalchi, un grande edificio nobiliare realizzato nel Quattrocento che ospita al suo interno il celebre dipinto di Caravaggio la “Conversione di San Paolo”. In maniera coerente, Roma Map Fair viene allestita in un’ala dell’antica dimora che fu dei Colonna e dei Chigi, dove ha sede Finarte, la prima Casa d’Aste di Roma, un nome a cui rivolgersi per l’acquisto o la vendita di opere di pregio e che ha fatto la storia del collezionismo della Capitale.

DUE PARTNERSHIP PRESTIGIOSE PER ROMA MAP FAIR

Forte dei grandi numeri – espositori, visitatori, contatti facebook – la mostra è pronta quindi a replicare il successo della due precedenti edizioni, che tanta eco hanno avuto anche sulla stampa. A giudicare dalle richieste, sia in riferimento agli espositori, una ventina tra i maggiori del settore, che per quanto riguarda il grande pubblico dei collezionisti, si prevede un grande afflusso. La fiera vanta anche partnership importanti come AbeBooks.it, il marketplace di riferimento per gli appassionati di libri e collezionismo cartaceo (mappe, stampe, vedute e rarità bibliografiche) e Maremagnum.com, nato nel 1995 con l’intento di promuovere il libro antico in rete e considerato oggi il più importante sito italiano per la ricerca di libri antichi, usati, introvabili e fuori catalogo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE