Sei qui:  / Articoli / Informazione / Grillo, siamo tutti per te

Grillo, siamo tutti per te

 

Ogni tanto non capisco come in questo sgraziato paese, che ha dato natali a illustri conosciuti ed è tra le culle della civiltà, dell’arte, della bellezza, della scienza e del pensiero, si possa essere così “boccaloni” da continuare a mordere l’amo di Grillo. L’ex un po’ tutto, comico, showman, blogger, politicante, mentore di ragazzini senza arte né parte, costringe dopo i proclami di San Remo di ieri e lo streaming con Renzi di oggi, a parlare ancora di lui… e noi ci caschiamo, me compreso. La Rai è la madre di tutte le corruttele? Escono in risposta il DG Gubitosi, i sindacati, il segretario dell’Usigrai Di Trapani. Grillo prima dello streaming si “impicca” simbolicamente con la bandiera? Click, la foto va in rete e fa notizia.

Ma Grillo, e suoi grilletti che non sanno come scattare, fanno davvero notizia? Certamente no. Hanno cambiato qualcosa nella politica italiana? Sicuramente no. Hanno votato in Parlamento quello che sarebbe stato approvato comunque e si sono opposti a cose che sono “passate” lo stesso. Hanno fatto cagnara, gazzarra, casino in aula. Tutte cose che potevano tranquillamente fare nel bar sotto casa senza costarci così tanti soldi di stipendio, per dirla con uno dei loro più cari adagi. Renzi twitta: votando Grillo meritavate di più, o qualcosa del genere, e fa ancora notizia. Stiamo raccontando storie di gente che normalmente non farebbe notizia e, d’altronde, non l’ha fatta per anni ma ci riteniamo nel giusto pensando che proprio per questo loro basso livello di pensiero e azione oggi, paradossalmente, la facciano. Forse un effetto lo stanno facendo su noi e sulle istituzioni: ci stanno rincretinendo. Se fossero persone con un lavoro definito o almeno un’esperienza spendibile da mettere in gioco, o in discussione, o al rogo per un’idea, forse sarebbe plausibile dargli spazio. In realtà, che lo si voglia vedere o meno, siamo allo scontro tra il mondo impalpabile della rete e quello della realtà. Tra chi blogga, twitta, spamma, tagga e quelli che si arrampicano tra le luci di Saremo festival perché da un anno e mezzo lavorano ma non beccano un euro.

Tra chi vive il web come fosse la vita e chi vive la vita reale e va a fare la spesa. Francamente spero vincano i secondi e possano continuare a mettere qualcosa nel carrello. Oggi nel nostro cesto abbiamo solo uno che una volta faceva ridere e oggi vive, peraltro bene grazie ai soldi ricavati dal suo sito web, circondato da microfoni e domande. L’ultima, guardando la sua performance sanremese di ieri sera, l’ha fatta il barista mentre il nostro, tra flash e giornalisti, si allontanava: “Ehi! Ma i caffè qui chi li paga?”

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE