Sei qui:  / Articoli / Informazione / Caso Daphne, Speciale Rainews. Tra le piste aperte anche quella del “Dirty Oil”

Caso Daphne, Speciale Rainews. Tra le piste aperte anche quella del “Dirty Oil”

 

Tra le tante piste aperte nel caso di Daphne Galizia,   la giornalista uccisa a Malta, una delle più credibili riguarda il contrabbando   di carburante tra Libia e Italia, quello al centro dell’inchiesta “Dirty Oil”  della procura di Catania. A Rainews24 la reporter americana Ann Marlowe, la prima a parlare dell’argomento già  nel 2015 con l’inchiesta “Why does EU tolerate Libya’s smuggler kingpin as migrants drown”, asserisce citando proprie fonti in Libia che l’esplosivo utilizzato, il Semtex, è giunto dalla zona di Zwara. “Ho saputo dalle mie fonti libiche che il Semtex, l’esplosivo che ha ucciso   Daphne Caruana Galizia è giunto dal porto di Zwara, dove c’è il quartier   generale di Fahmi Salim [Bin Khalifa, “re del contrabbando di petrolio   libico” ndr.] e diverse mafie del contrabbando di carburante che lavorano in   stretto contatto con Malta e con l’Italia”, afferma Marlowe. Il Semtex, ricorda   la giornalista, rappresenta una sorta di firma del terrorismo libico: è  quello   degli attentati degli anni 80 e 90, lo stesso usato sui cieli di Lockerbie.

In uno speciale in onda stasera alle 20.30 e pubblicato online, l’inviato a   Malta di Rainews24 Ilario Piagnerelli documenta, volando su Hurd’s Bank, al   largo di Malta, la presenza di numerose navi-cisterna dedite al traffico di   gasolio trafugato dalla Libia. La zona è la stessa dove la Guardia di Finanza,   Nell’ambito di “Dirty Oil”, ha filmato il trasbordo dalla bettolina “Basbosa   Star” alla nave madre “Seamaster X”.   A legare il delitto Galizia a questo tipo di business c’è un suo post di una   anno fa sul blog Running Commentary: “Un’altra bomba in un’auto e un’altra   vittima. E ho pensato: ecco un altro trafficante di diesel. Perché il modello   che emerge dagli assassinii degli ultimi anni è che i contrabbandieri di diesel   vengono fatti esplodere nelle loro auto, i narcotrafficanti sono uccisi da   sicari”. Non solo: in un articolo sulla morte di due contrabbandieri di diesel,   Darren Degabriele e Martin Cachia, Galizia si chiede se la prossima vittima   sarebbe stata Darren Debono, l’ex calciatore della nazionale maltese, arrestato   il 20 ottobre a Lampedusa. E uno dei nomi dell’inchiesta catanese, Nicola Orazio   Romeo, compare proprio nei Panama Papers, nel filone dei cosiddetti “Malta   files”, Quelli su cui lavorava la reporter maltese.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE