Sei qui:  / Articoli / Informazione / Rai / Rifiuti tossici nel Salento. La verità dopo 17 anni. Grazie alle inchieste giornalistiche

Rifiuti tossici nel Salento. La verità dopo 17 anni. Grazie alle inchieste giornalistiche

 

17 anni per far venir fuori la verità. Ma ora finalmente qualcosa si muove: le Istituzioni sono al lavoro sui rifiuti tossici nel Salento. Questo lo dobbiamo a Marilù Mastrogiovanni, e alla sue inchieste. Ma lo dobbiamo anche a Emilia Brandi, e al suo programma “Cose Nostre”, che ha dedicato una puntata alla storia della giornalista pugliese, minacciata dalla criminalità organizzata proprio perché il “Tacco d’Italia” ha sempre denunciato il malaffare mafioso.
A distanza di 1 mese dalla puntata su Rai1 di Cose Nostre, la Procura di Lecce ha deciso di comunicare ai sindaci che sotto Burgesi è stata accertata la presenta di elevate percentuali di policlorobifenile, un rifiuto industriale tra i più tossici e insmaltibili al mondo: il pcb.
Deve essere motivo di orgoglio per noi tutti che crediamo nel gioco di squadra, e per la Rai Servizio Pubblico.
Deve essere un forte stimolo ad andare avanti.
Questo episodio è la prova di quello che diciamo da anni: i cronisti non vanno mai lasciati soli, soprattutto quelli impegnati in luoghi di frontiera, nelle periferie.
E la Rai ha la grande responsabilità, e opportunità, di illuminare quelle storie, quelle inchieste, riprenderle, rilanciarle, approfondirle.
Perché in questo modo può dare un contributo vero a far fare passi avanti sulla strada verso la verità.
Come è accaduto ora per i rifiuti tossici in salento.
Perché allora ad esempio non fare lo stesso con la storia di Peppino Basile, omicidio che resta impunito. La Rai riapra quella inchiesta. E aiuti la giustizia italiana a trovare i responsabili dell’ennesima vittima innocente delle mafie.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE