Sei qui:  / Articoli / Interni / La lezione di Papa Francesco alla Terra dei fuochi

La lezione di Papa Francesco alla Terra dei fuochi

 

Venendo per la prima volta in Campania ha scelto Caserta non Napoli,  gli immigrati, gli esclusi,  gli ” sfregiati ” della Terra dei fuochi. Lascia mille spunti di riflessione la lezione di Papa Francesco, che edifica ponti per superare gli steccati, che , di fronte a chi costruisce muri per chiudere, evidenzia come non basti aprire le chiese, ma come sia necessario andare incontro alla gente. Bergoglio dopo la scomunica dei mafiosi , macigno contro l’illegalita’ lasciato in Calabria, ha scelto stavolta, laddove ci sono i veleni dei rifiuti tossici , un’immagine in positivo :” Chi ama Dio rispetta l’ambiente”. Proviamo a pensarle queste cose,a prescindere dal dono della fede, dalla considerazione che il Papa sia il capo dei cristiani e che svolge la propria missione di evangelizzazione; cerchiamo di metterle insieme come se fossero i punti di un programma politico o di un piano editoriale, magari del servizio pubblico radiotelevisivo. Lo snodo e’ quello del bene comune. Se per un credente Francesco e’ un grande, speciale dono di Dio, per chi non crede ( penso ai suoi colloqui con Scalfari ) e’ comunque un punto di riferimento per costruire una societa’ armonica, permeata da giustizia sociale, capace di dare salomoniche risposte a un mondo costretto a ripensarsi dalla globalizzazione. L’accoglienza, l’ambiente per esempio sono questioni e valori transnazionali. Francesco e’ di fatto una bussola non solo per i cattolici: come si puo’ convivere in pace senza il rispetto della legalita’ o senza debellare la corruzione ?   E’ Lui la guida per una moderna alfabetizzazione, per la lettura del mondo globalizzato, crossmediale, dove le sfide non sono piu’ solo nei campi , nelle industrie,nelle citta’ metropolitane, ma nella tecnologia, in un mondo, dove come sta avvenendo,  e’ ancora piu’ facile che in tanti rimangano dietro, che le ricchezze si concentrino. I temi del Papa, sono i nodi della nostra societa’. Non lasciamolo solo contro le logiche imperanti del potere e del profitto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE