Sei qui:  / Articoli di Flavio Bacchetta
Flavio Bacchetta
  • Dannati al San Camillo di Roma

    Sono incappato in questa esperienza dopo una dismissione frettolosa, in seguito ai postumi operatori che fan parte della mia storia precedente sulla sanità romana. Ho…

     
  • Sanità romana, The Horror Picture Show

    Non c’è reportage più efficace per descrivere le lacune del sistema sanitario, di quello testato sulla propria pelle. Un’odissea durata anni. Visitando ospedali a regime…

     
  • Otranto tra Scilla e Cariddi

    E’ durato poco il regno salentino di Flavio Briatore; lo stabilimento per VIP, in costruzione a Otranto, per il quale aveva concesso il marchio Twiga…

     
  • Venezuela, tramonto di sangue del bolivarismo

    La tragedia venezuelana sta consumando i suoi protagonisti nella pressoché totale indifferenza del Vecchio Continente; poco o niente su Corriere, Repubblica e Messaggero, due brevi…

     
  • Ecuador, socialismo sotto assedio

    Lenin Moreno vince le elezioni in Ecuador, dopo un acceso testa a testa nel ballottaggio del 2° turno con il candidato de l’opposizione Guillermo Lasso,…

     
  • Stato d’emergenza in Venezuela

    Il tracollo economico che affligge la nazione leader di ALBA (Alianza bolivariana para América Latina y el Caribe) minaccia anche la comunità italiana, la seconda,…

     
  • Vince Trump. Perde l’America tutta

    Vince l'America bianca. Vince l'America razzista dei film di frontiera, dei linciaggi negli stati del Sud e dei continui eccidi di neri da parte della…

     
  • Sotto lo slogan, niente

    In questi giorni siamo sottoposti a una campagna martellante su social network, talk show televisivi, grande stampa, radio private e governative, riguardo i millantati benefici…

     
  • Un mutuo per la pensione, l’ultima trovata

    Sarà di 54 miliardi nel 2020, la dimensione del buco INPS, preventivato da Tito Boeri, il nuovo presidente, economista e persona franca. Secondo un’intervista rilasciata…

     
  • La cattedra ecuadoriana, lezioni di sisma

    Condividiamo con l’Ecuador le caratteristiche di una terra nervosa che troppo di frequente sfoga in disastri. Quello di pochi mesi fa, flagellando le provincie di…

     
  • Ecuador, un minuto di terremoto fatale

    Sono saliti a 400 nelle ultime ore, ma il numero è per difetto, le vittime del terremoto che ha colpito l’Ecuador sabato notte, tra cui pare ci sia anche...

     
  • Messico, sindaco per una notte

    Sono due minorenni, gli assassini di Gisela Mota, la giovane sindaco assassinata il mattino del 2 gennaio a Temixco, una città dello stato di Morelos...

     
  • Brasile, preludi di regime

    Chiudo il 2015 ancora con il Brasile; la cartolina de "il Paese dell'eterno Carnevale, le spiagge carioca, e le mulatte da esportazione”

     
  • Argentina, anti-peronismo al potere

    La vittoria di Macrì a Cordoba (oltre il 75%) ha trascinato al successo nazionale Podemos (il movimento del nuovo presidente) pur perdendo

     
  • Sud-America, giornalisti nel mirino

    L’’Annus Horribilis” 2015, iniziato con il massacro della redazione parigina di Charlie Hebdo, consolidato con la nuova decapitazione del giornalista giapponese freelance Kenji Goto per mano ISIS e l’uccisione del 110° reporter in Siria, sta confermando il suo trend...

     
  • Brasile, repressione di larghe vedute

    A Curitiba, gli agenti infieriscono anche con gas urticanti al peperoncino, e manganellate. Una sorta di caserma di Bolzaneto all'aperto. Decine di persone furono arrestate. Secondo la denuncia di Anistia Internacional, la filiale di Amnesty...

     
  • Socialismo in Ecuador, la verifica del I Maggio

    Se servivano ulteriori prove della spaccatura in atto nel Paese, il I^ Maggio non è stato avaro a riguardo; manifestazioni pro e contro il Presidente in carica Rafael Correa, hanno attraversato in lungo e largo l'Ecuador...

     
  • Naufragi, come ci vedono oltreoceano

    Dopo la strage di domenica scorsa, le roboanti dichiarazioni di Renzi sul blocco navale e la distruzione dei barconi degli “smugglers” (trafficanti di emigrati), oltre a cozzare con l’impossibilità di essere applicate in acque internazionali senza il consenso del governo libico...