Sei qui:  / Articoli / “Passione per la verità”, il concetto che sarebbe piaciuto a Santo della Volpe. Dibattito sul libro di Laura Nota e Roberto Reale

“Passione per la verità”, il concetto che sarebbe piaciuto a Santo della Volpe. Dibattito sul libro di Laura Nota e Roberto Reale

 

Forse non c’era un altro modo per ricordare Santo della Volpe che l’incontro con un titolo che gli sarebbe piaciuto: “Passione per la verità”, lo stesso del libro (“Fake news e passione per la verità” Ed. Franco Angeli) attorno al quale si è snodato il dibattito “Un’ora con con”… condotto da Roberto Natale per Articolo 21 e al quale hanno partecipato come relatori principali gli autori, Laura Nota e Roberto Reale. Sì, a Santo sarebbe interessato un confronto sulla verità delle notizie, il ruolo dei giornalisti e la passione che necessita per raccontare la realtà. Lo ha ricordato Giuseppe Giulietti in apertura dei lavori: “A cinque anni esatti dalla scomparsa di Santo della Volpe siamo qui con un ‘suo’ argomento, la passione per la verità che per lui era un comandamento. Portavoce di Libera Informazione, giornalista impegnato, è stato il primo e più convinto sostenitore della battaglia dei cronisti di periferia contro le minacce e le querele bavaglio che ostacolano il racconto di verità scomode. Ringrazio il Sindacato del Veneto e l’Università di Padova che, con Articolo 21, ci hanno dato questa opportunità, ritornare sui temi cari a Santo, tuttora attualissimi, anzi per certi versi ancora più urgenti che in passato, come ci dimostra la circolazione delle fake news sui social. La Fnsi – ha annunciato Giulietti – si impegnerà ad utilizzare le somme che arriveranno dal risarcimento accordato alla Federazione quale parte civile nei processi contro chi minaccia i giornalisti per un Fondo anti querele intitolato proprio a Santo della Volpe”.  Nel dibattito che si è snodato attorno al libro è emersa l’esigenza di proseguire e intensificare la comunicazione sui rischi insiti nelle fake news e circa la parallela necessità di impegnare il mondo del giornalismo professionale in una strenua difesa della verità da cercare con caparbietà e rigore, come sottolineato dalla professoressa Laura Nota, docente dell’Ateneo di Padova e “anima” delle iniziative a sostegno di un’informazione basata sui fatti, le verifiche, i riscontri millimetrici. Per il coautore Roberto Reale, giornalista Rai e docente nella stessa Università, sarà importante allargare la platea dei fruitori dei concetti contenuti nel libro. A tal proposito, come proposto dal direttore di Articolo 21, Stefano Corradino, parte dei contenuti del convegno saranno disponibili nei prossimi giorni sul sito dell’associazione ed è stato annunciato un ulteriore approfondimento in autunno in collaborazione con Civiltà Cattolica, nel solco della “Carta di Assisi – Parole non pietre” firmata a marzo a Roma.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.