Sei qui:  / Articoli / Libertà di informazione, delegazione di Articolo 21 Veneto all’evento di Trento

Libertà di informazione, delegazione di Articolo 21 Veneto all’evento di Trento

 

Per una stampa libera e plurale, per i diritti sociali su cui si radicano quelli civili, contro tagli e bavagli, una rappresentanza del presidio Articolo 21 del Veneto sarà a Trento il 2 maggio a Trento e, il giorno successivo, a Roma per le due manifestazioni nazionali promosse dalla Fnsi, in occasione della Giornata mondiale della libertà d’informazione. Due giornate che non vanno intese come semplice adesione a una ricorrenza, ma che vogliono essere testimonianza di un impegno collettivo, condotto giorno per giorno nel Paese, per rafforzare attorno alla Costituzione un patto tra i lavoratori dell’informazione e i cittadini. E’ con lealtà e spirito di servizio che i giornalisti devono raccontare quotidianamente una realtà in evoluzione, rendendo con un linguaggio chiaro e pertinente una società complessa. Ed è proprio su questo punto che si gioca la partita tra la semplicità, che cerca di rendere a tutti comprensibili i fenomeni nel rispetto della verità sostanziale dei fatti, e la semplificazione, che piega la realtà alla lettura pregiudiziale, al linguaggio d’odio, alla propaganda, venendo meno ai doveri nei confronti del lettore. Anche per questo, l’appuntamento del 3 maggio a Roma sarà occasione per una nuova giornata di lavoro sulla Carta di Roma, strumento di autoregolamentazione che i giornalisti intendono condividere con gli altri cittadini e lavoratori, non per irregimentare il dibattito e il racconto del Paese, ma per liberarlo attraverso un uso consapevole di parole e terminologie che assicuri, assieme all’irrinunciabile pluralità delle voci, il pieno rispetto delle persone, anzitutto le più deboli, come ulteriore punto irrinunciabile.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE