Sei qui:  / Articoli / Processo Spada, Federica Angeli non sarà sola. Da Articolo21 a Fnsi continua la ‘scorta mediatica’

Processo Spada, Federica Angeli non sarà sola. Da Articolo21 a Fnsi continua la ‘scorta mediatica’

 

Tra qualche ora, giovedì mattina, Federica Angeli torna in Tribunale a Roma come testimone nel processo per duplice omicidio in cui sono imputati Carmine Spada e il nipote di questi, Ottavio. Ancora una volta un giornalista presente in un’aula giudiziaria come parte del processo anziché come osservatore. E non sarà sola Federica, che, lo ricordiamo sempre, è sotto scorta da luglio 2013 “soltanto” per aver fatto bene il suo mestiere di cronista in una terra pericolosa come Ostia dominata dal potente clan Spada.
Appena un mese fa la Angeli era stata sentita sempre in Tribunale a Roma ma come parte offesa e dove l’imputato principale è Armando Spada, accusato di minacce, insieme a Paolo Papagni che deve rispondere di tentata violenza privata nei confronti, appunto, della giornalista. Per quest’ultimo processo si è tenuta, peraltro, un’ulteriore udienza lunedì 16 aprile nel corso della quale è stato ascoltato l’operatore di ripresa, Ferrari, che il giorno dei fatti contestati accompagnava Federica. Il teste ha ricostruito nei dettagli l’aggressione e l’intimidazione subita dalla giornalista da parte di Armando Spada. E’ stato ascoltato altresì l’imputato Paolo Papagni (a cui è contestato un diverso e distinto episodio di tentata violenza privata, perché con atteggiamento minaccioso pretendeva che la Angeli non pubblicasse un’intervista dallo stesso rilasciata). L’esame del Papagni è stato particolarmente carico di tensione perché l’imputato, anche in aula, ha avuto un atteggiamento sprezzante, denigratorio e provocatorio, confermando esplicitamente di aver intimato alla Angeli di non pubblicare l’intervista perché… “c’aveva famiglia”.
Il Giudice all’esito dell’udienza ha ritenuto di stralciare i procedimenti nei confronti dei due diversi imputati (Spada e Papagni appunto) e per i due fatti rispettivamente contestati (minacce e tentata violenza privata), per esigenze di speditezza. Infatti mentre il processo a carico di Spada si è praticamente concluso, quello a carico di Papagni prevede ancora l’escussione dei testi della difesa per cui è destinato a protrarsi più a lungo.
Dunque Il processo allo Spada è stato rinviato al 15 maggio prossimo per la discussione finale di tutte e per la sentenza, mentre il processo a Papagni è stato rinviato al 20 giugno 2018 per l’esame dei testimoni indicati dalla difesa. In questo procedimento. L’escussione di papagni in aula lunedì scorso, a tratti è stata agghiacciante, perché l’imputato ha praticamente ammesso di aver <consigliato> a Federica Angeli di non pubblicare l’intervista, in quanto era giovane e aveva famiglia. Sollecitato dall’avvocato Giulio Vasaturo, legale di parte civile per la Federazione nazionale della stampa e Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, l’uomo ha ripetuto che <era solo un consiglio>! Confermando dunque le pressioni per non far uscire l’articolo fatte con parole veramente terribili pronunciate nei confronti della Angeli ma, a questo punto, contro tutta l’informazione.
Con questo pesante e brutto precedente dunque Federica va di nuovo in aula giovedì

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE