Sei qui:  / Articoli / Lavoro / Porto di Messina. 4 operai morti per esalazioni di gas. Nell’indifferenza generale

Porto di Messina. 4 operai morti per esalazioni di gas. Nell’indifferenza generale

 

L’ennesimo dramma sul lavoro, che oggi è costato la vita a 4 operai, morti per le esalazioni mentre eseguivano dei lavori di pulizia nei serbatoi del carburante in una nave nel porto di Messina. Ancora le chiamano morti bianche, un termine ipocrita che è un insulto ai familiari e alle vittime sul lavoro. Purtroppo non passa giorno che 3/4 lavoratori (a volte anche di più) perdano la vita sul posto di lavoro.

La sicurezza sul lavoro è importante, ma a quanto pare non è una priorità di questo governo. Ne di quelli precedenti!
Siamo il Paese Europeo con il più alto numero di morti sul lavoro e questo vorrà pure dire qualcosa. Abbiamo anche un altro triste primato che è quello dell’abuso dei voucher, che molto spesso favorisce il lavoro nero. E non mi pare siano stati messi dei limiti concreti perchè questo abuso possa essere fermato.
Averli estesi a tutte le lavorazioni non mi pare sia stata una bella idea. I voucher sono utilizzati anche per coprire gli infortuni di chi lavora in nero.

Oggi è intervenuto immediatamente il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che in una nota ha detto che “ogni morte sul lavoro è inaccettabile in un Paese come il nostro”. Nel 2015, dati Osservatorio Indipendente di Bologna sulle morti sul lavoro, ci sono state oltre 1400 morti sul lavoro. Nel 2016, dati aggiornati ad oggi, ci sono già oltre 1260 morti sul lavoro. Sono numeri allarmanti!
Vanno bene le parole di cordoglio, ci mancherebbe, ma quelli che purtroppo invece mancano, sono i fatti, perchè si porga un freno alle stragi sul lavoro.
Io sono un semplice operaio e nel mio piccolo cerco di fare il possibile,  perchè se ne parli, e di sensibilizzare sulle morti sul lavoro.
Ma ci vuole l’impegno di tutti, TUTTI, specialmente di chi è al Governo e che davvero può cambiare le cose.
L’Italia non è solo il referendum costituzionale, a cui si è dato uno spazio enorme, mentre sulle morti sul lavoro NESSUNO DICE NULLA!!!

Marco Bazzoni-Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza-Firenze

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE