Sei qui:  / Appuntamenti & Eventi / Articoli / Informazione / Migranti: la nostra battaglia in tre punti chiave

Migranti: la nostra battaglia in tre punti chiave

 

Tre idee chiave, tre obiettivi fondamentali, per fare in modo che non si verifichino più, in futuro, stragi in mare. Ecco a cosa sto lavorando in questo periodo:

1. Il Regolamento di Dublino non funziona. Tutti e 28 i Paesi dell’Unione europea dovrebbero garantire l’accesso alla procedura di richiesta d’asilo. Alcuni di questi, come la Grecia, non hanno la possibilità di farlo in questo momento e di ciò bisognerebbe tenere conto.

2. Oggi l’unificazione delle famiglie è un’operazione molto complessa, lunga e macchinosa. La legge prevede che possano ricongiungersi solo figli o coniugi. Agli altri famigliari ciò non è concesso. I tempi andrebbero accorciati e la possibilità di ricongiungimento estesa a tutti i parenti.

3. Il sistema di accoglienza andrebbe rivisto. Non abbiamo uno standard europeo. Non esiste, a livello comunitario, un fondo ad hoc. Bisognerebbe mettere in piedi un sistema tale per cui un Paese che accoglie e assiste i rifugiati non veda questa spesa pesare sul proprio bilancio nazionale: chi accoglie di più, naturalmente, avrebbe diritto a un budget maggiore.

Per queste ragioni, per arrivare alla realizzazione di questi punti, è importante che continuiate tutti a condividere la mia petizione, a farla girare tra i vostri amici, conoscenti e parenti.

Firmiamo la petizione su Change.org

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE