Sei qui:  / Articoli / Informazione / Il Quotidiano di Latina: Stampa Romana, “comportamento antisindacale”. Il direttore Michele Cervo, “Un mio errore. Il mio totale rispetto per i colleghi professionisti impegnati in una difficile vertenza”

Il Quotidiano di Latina: Stampa Romana, “comportamento antisindacale”. Il direttore Michele Cervo, “Un mio errore. Il mio totale rispetto per i colleghi professionisti impegnati in una difficile vertenza”

 

L´Associazione Stampa Romana ha dato mandato ai propri legali di attivare la procedura per comportamento antisindacale nei confronti della Qap e di Michele Cervo, casa editrice e direttore de Il Quotidiano di Latina. “Nella giornata di ieri, nonostante lo sciopero a cui hanno aderito tutti giornalisti e tutto il personale poligrafico della testata, il direttore e l’azienda hanno confezionato un numero a 16 pagine del quotidiano utilizzando personale non dipendente della Qap e firmando persino alcuni pezzi col nome di colleghi che erano in sciopero”. “Si tratta di un atto gravissimo – dichiara il segretario Asr Paolo Butturini – attuato a fronte della giusta protesta dei lavoratori per la mancata corresponsione delle retribuzioni di dicembre, della 13° mensilità e della redazionale dello scorso anno.

“Ieri – replica il direttore Michele Cervo – a causa di uno sciopero proclamato dal Comitato di Redazione della testata “Il Quotidiano di Latina” il giornale è uscito in forma ridotta e senza servizi firmati. Purtroppo a causa di un refuso, come si dice nel gergo tecnico della nostra professione, sono apparse a pagina 5, 9, 10 e 13 le firme dei colleghi Luca Artipoli, Alberto Della Libera ed Alessandro Marangon. Questi colleghi hanno invece aderito allo sciopero, secondo le modalità espresse nel comunicato del Cdr. Nel difendere la loro onorabilità professionale, ma soprattutto di uomini, che hanno tenuto fede a quanto da loro espresso in sede di assemblea di redazione, mi corre l’obbligo di sottolineare che l’errore e la responsabilità di ciò che è successo è soltanto mia. Questo lo devo a colleghi professionisti impegnati in una difficile vertenza e lo devo in particolare a voi lettori del giornale. Con entrambi mi scuso profondamente”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE