Sei qui:  / Articoli / Interni / Sangue infetto: più di vent’anni fa lo scandalo. Oggi la prima udienza…

Sangue infetto: più di vent’anni fa lo scandalo. Oggi la prima udienza…

 

Uno degli scandali più odiosi di questo paese è stato (ma continua a essere) quello del sangue infetto: 80mila (ottantamila!) vittime, persone morte per le conseguenze derivate dalla commercializzazione dei cosiddetti farmaci emoderivati. Gli imputati  per omicidio colposo plurimo sono una decina; si tratta di ex amministratori di case farmaceutiche italiane, accusati di aver consentito l’uso di sangue prelevato da persone a rischio, in un periodo in cui non esistevano ancora test specifici contro Aids e epatiti B e C. Si stima appunto che, negli ultimi 25 anni, circa 80mila  pazienti siano deceduti per conseguenze legate all’uso di emoderivati che sarebbero stati prodotti con sacche di sangue infetto.

Ci sono stati dei risarcimenti, ammesso che una vita e la salute irrimediabilmente compromessa possa in qualche modo essere risarcita da una somma di denaro? Sì: 700 (settecento!) persone hanno ottenuto risarcimento. Altre 5mila sono in attesa di giustizia, e si sono dovute costituire parte civile. Tra gli imputati figura Duilio Poggiolini. Ricordate? Era l’ex direttore generale del servizio farmaceutico del ministero della Sanità, a suo tempo lo soprannominarono “il Re Mida della Sanità”. Quando gli perquisirono casa, accusato di aver favorito l’ingresso di alcuni farmaci nel prontuario sanitario in cambio di tangenti, gli trovarono tanto di quel denaro, gioielli e oggetti preziosi, che furono necessarie dodici ore per catalogarli tutti: tesori “custoditi” in armadi, all’interno di divani, materassi e pouf. Secondo l’accusa, Poggiolini, nel firmare una moratoria avrebbe consentito l’utilizzo di sacche risultato infetto nonostante una prescrizione dell’Unione Europea a non adoperarle; con quella firma e quella moratoria si sarebbe favorita la diffusione di patologie rivelatesi poi letali. A causa di un difetto di notifica per Poggiolini si dovrà celebrare una nuova udienza preliminare. Quando non si sa bene.

E’ uno scandalo? Certo, ma lo scandalo più scandaloso è un altro. Questa storia è cominciata alla fine degli anni ’80: più di vent’anni fa, contrassegnati da una sconcertante catena di lentezze, e ritardi giudiziari, un’indagine che comincia a Napoli, poi viene trasferita a Trento, per poi ritornare al capoluogo campano; non è incredibile? Eppure, per quanto incredibile possa apparire,  solo oggi a Napoli si celebrerà la prima udienza del processo. Qualcuno dovrebbe spiegare come tutto ciò sia potuto accadere.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE