Sei qui:  / Articoli / Culture / “Solo andata”, la memoria e i diritti dei migranti

“Solo andata”, la memoria e i diritti dei migranti

 

Una poesia di Erri De Luca, la musica tra violino e pizzica del Canzoniere grecanico salentino, la regia di Alessandro Gassman. Da  questo incontro di sensibilità forti e genuine per i diritti umani è nato, prodotto da Oh!Pen e patrocinato da Amnesty International Italia, “Solo andata”.  Non solo e non tanto un video-clip ma un cortometraggio che descrive la dolcezza dell’approdo e restituisce dignità e umanità ai migranti e ai richiedenti asilo, né problema né emergenza, ma necessità e prodotto di guerre e altre violazioni dei diritti umani.

Pensato come reazione ai giorni terribili dell’ottobre scorso, i giorni in cui centinaia di uomini, donne e bambini persero la vita in una serie di naufragi nel Mediterraneo, “Solo andata” è più che mai attuale. Nonostante l’Italia abbia potenziato le attività di ricerca e salvataggio con l’operazione “Mare nostrum”, l’approccio complessivo dell’Europa verso i migranti e i richiedenti asilo è complessivamente invariato: prima le frontiere, poi le persone.

“Solo andata” ci ricorda anche che la storia dell’Italia è una storia di migrazione. Un ricordo affondato e negato troppo spesso.

http://www.youtube.com/watch?v=Tf-bH-aaLB4

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE