Sei qui:  / Articoli / Esteri / Siria: l’Europa straccia la Dichiarazione Internazionale dei Diritti Umani

Siria: l’Europa straccia la Dichiarazione Internazionale dei Diritti Umani

 

“I leader europei non stanno facendo abbastanza per i profughi siriani, dovrebbero abbassare la testa per la vergogna.” è questa la denuncia di Amnesty International stilata in un documento divulgato il 13 dicembre.  L’organizzazione dichiara che gli stati europei  hanno dato la disponibilità per accogliere solo lo 0,5 % dei profughi (12.000 persone rispetto alle 2.300.000 che hanno lasciato il paese). L’Europa e l’Italia si sono dimenticate il dramma di Lampedusa e ogni promessa fatta di fronte ai riflettori, il nostro paese non ha dato alcuna disponibilità per l’accoglienza dei cittadini siriani che cercano, tramite la fuga dal loro paese, di salvarsi la vita. Il nostro continente mostra ancora una volta mancanza di umanità. La Siria vive una situazione drammatica dal marzo del 2011 e la situazione adesso si è fatta ancora più grave a causa dell’ondata di maltempo che imperversa nelle regioni del Medio Oriente. Neve, inondazioni, persone fuggite dall’orrore della guerra che rischiano di morire di freddo e di stenti, le prime vittime del freddo nei campi profughi sono i bambini.

Le voci di chi cerca di dare una  testimonianza diretta dalla Siria vengono spazzate via, inglobate nell’oblio, è il caso dei tanti giornalisti rapiti, del nostro connazionale Padre Paolo Dall’Oglio di cui non si hanno più notizie da 4 mesi e più recentemente dell’avvocatessa Razan Zaitouneh attivista per i diritti umani (vincitrice del premio Anna Politovskaya e del premio Sakarov del parlamento europeo).  Razan Zaitouneh è stata rapita lo scorso 10 dicembre in un sobborgo di Damasco insieme al marito e ad altre due persone, preziosa fu la sua testimonianza in agosto riguardo all’attacco con le armi chimiche nella periferia di Damasco.

Lo scorso 20 Novembre, in occasione della XXIV Giornata Internazionale dei diritti  dell’infanzia, Child Again e Il cuore in Siria avevano diffuso un comunicato stampa in cui dichiaravano che i principi sulla quale si fonda la “Carta internazionale sui diritti dell’infanzia” venivano sistematicamente violati da quasi tre anni in Siria, a partire dal diritto alla vita e alla sopravvivenza. E’ di ieri la notizia di un bombardamento tramite elicotteri ad Aleppo: 22 le vittime confermate, 14 di loro  erano bambini, ma alcune fonti parlano di un centinaio di morti.

http://www.youtube.com/watch?v=MPnRClpMk5w#t=50 L’Unicef stima che siano più di 5.500.000 i  bambini che necessitano di aiuto, un numero 4 volte maggiore rispetto a quanti erano solo un anno fa. I numeri sconvolgenti delle vittime del dramma di questa nazione crescono a dismisura mentre il resto del mondo si dimostra indifferente alla sofferenza di milioni di persone e alla distruzione di una nazione che è il cuore della civiltà umana.  Ma oltre l’indifferenza, il non saper come agire o il non voler prendere alcuna decisione concreta in merito ad una possibile risoluzione del conflitto, dobbiamo anche tener conto della negazione del diritto d’asilo in barba alla Dichiarazione Universale dei diritti dell’Uomo delle Nazioni Unite.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE