Sei qui:  / Articoli / Informazione / Il Casalese ora in video. Prosegue l’opera di denuncia di CentoAutori

Il Casalese ora in video. Prosegue l’opera di denuncia di CentoAutori

 

E’ stato presentato presso la Federazione Nazionale della Stampa, il videolibro “Il Casalese”. Liberamente tratto dal testo inchiesta “Il Casalese – ascesa e tramonto di un leader di terra di lavoro”, scritto da nove giornalisti campani -la maggior parte di loro precari- pubblicato dalla casa editrice CentoAutori, ora diventato un documentario e anche una pièce teatrale. Il video consegna le immagini inedite della storia politica di Nicola Cosentino, uno spaccato nitido e a tratti avvilente degli intrecci e interessi economico criminali, che hanno fatto la fortuna dell’ex uomo forte del Pdl in Campania. Storie di corruzione politica e collusione camorristica.

Nei trenta minuti audio-video de “Il Casalese” sono ricostruiti attraverso una documentata ricerca d’archivio le vicende politiche e giudiziarie dell’ex sottosegretario all’Economia con delega al Cipe, Nicola Cosentino e di tutta una serie di personaggi a lui vicini: a partire dal decaduto presidente della provincia di Napoli e deputato nazionale del Pdl, Luigi Cesaro -detto “Giggino a purpetta”- sindaci, imprenditori e testimoni di giustizia che con le loro dichiarazioni  hanno ricostruito la rete della corruzione all’ombra del Vesuvio,  tra le province di Napoli e Caserta lungo i luoghi simboli del potere politico-camorristico: Scampia e Casal di Principe. L’ex sottosegretario all’Economia nell’ultimo governo Berlusconi è stato definito perfino dai giudici della Cassazione “Socialmente pericoloso e referente nazionale del clan dei Casalesi” nella sentenza di respingimento del ricorso contro la seconda richiesta d’arresto emessa dalla procura partenopea. Al termine della proiezione del video è stata rappresentata anche una riduzione della piéce teatrale del regista Riccardo De Luca e realizzata con gli attori di Experimenta Teatro.

Insomma prosegue dunque l’impegno civile e di denuncia della edizioni CentoAutori,  piccola casa editrice di Villaricca, paese al confine con il difficilissimo quartiere di Scampia, dove è di nuovo in corso una guerra per il controllo e la gestione dello spaccio di droga e dove si è ripreso ad uccidere. All’incontro assieme  con il presidente dell’Fnsi Roberto Natale e all’editore erano presenti alcuni  autori del libro che ha rischiato – mesi  fa – di essere sequestrato e distrutto per le numerose denunce presentate da Giovanni Cosentino, fratello dell’ex numero uno del Pdl campano e titolare delle aziende di famiglia l’Aversana Petroli e la Ip service. Tra poche settimane si aprirà il contenzioso giudiziario che vede quattro autori del libro citati in giudizio e l’editore per una presunta diffamazione a mezzo stampa. Il libro “Il Casalese – ascesa e tramonto di un leader di Terra di Lavoro” Edito dalla edizioni CentoAutori fa parte della collana “Fatti e Misfatti” diretta da Nico Pirozzi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE