Sei qui:  / Articoli / Migrazioni / Migranti. Sant’Egidio: la morte di un bambino nel carrello di un aereo non può lasciarci indifferenti

Migranti. Sant’Egidio: la morte di un bambino nel carrello di un aereo non può lasciarci indifferenti

 

Non si conosce ancora il suo nome e la sua età precisa, forse appena dieci anni: è morto di freddo, sognando l’Europa, nel carrello di un aereo che viaggiava da Abidjan a Parigi. La scoperta di questo terribile dramma dell’emigrazione, stamattina all’aeroporto di Roissy-Charles de Gaulle, non può lasciarci indifferenti. La Comunità di Sant’Egidio, che da anni, con le Scuole della Pace, si impegna in tante parti del mondo – anche in Costa d’Avorio – ad offrire un futuro ai minori delle periferie esprime il suo cordoglio al popolo ivoriano e ai familiari della vittima.

Questa tragedia, simile a quella dei due adolescenti guineani, Yaguine e Fodé, morti nell’agosto del 1999 sull’aereo che li portava Belgio, deve spingere l’Europa ad ascoltare il grido dell’Africa favorendo in modo concreto e urgente il suo sviluppo e i Paesi africani a preoccuparsi dei tantissimi loro giovani che chiedono scuola, lavoro, futuro.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

1 COMMENTO

  • dariap

    Giusto. Visto che voleva andare a Parigi, la Francia si deve subito prendere e mantenere tutti gli abitanti di Abjdian

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.