Sei qui:  / Articoli / Informazione / “Etiopia: Una nuova alba per la libertà di stampa?” Il documentario di Margherita Cargasacchi da oggi sulla piattaforma della Ong IOHR TV

“Etiopia: Una nuova alba per la libertà di stampa?” Il documentario di Margherita Cargasacchi da oggi sulla piattaforma della Ong IOHR TV

 

La ONG londinese International Observatory of Human Rights ha lanciato gratuitamente sulla piattaforma online IOHR TV il documentario ‘Ethiopia: A New Dawn For Press Freedom?’. La produzione, scritta e diretta dalla giornalista italiana Margherita Cargasacchi, racconta decenni di persecuzione del giornalismo indipendente in Etiopia attraverso la voce di giornalisti, professori ed ex prigionieri politici, ma anche il recente e inaspettato progresso sotto la guida del Primo Ministro Abiy Ahmed, a cui è stato assegnato il Nobel per la Pace 2019.

Tra le principali voci del cortometraggio, il giornalista novantenne Yacob Wolde-Mariam, il blogger Befekadu Hailu, torturato nel centro di detenzione di Maekelawi e il giornalista Woubshet Taye, imprigionato per circa sette anni.

Per molti anni l’Etiopia si è classificata tra gli ultimi posti nell’Indice Globale sulla Libertà di Stampa di ‘Reporter Senza Frontiere’, RSF. Quest’anno, grazie alle riforme democratiche emanate dal nuovo governo, il Paese ha guadagnato 40 posizioni, classificandosi ora al 110esimo posto. Dall’insediazione del nuovo governo, nell’Aprile del 2017, Abiy Ahmed ha scarcerato giornalisti imprigionati dai regimi

precedenti, sbloccato 264 siti e blog un tempo proibiti e permesso a emittenti televisive prima considerate ‘terroristiche’, come Oromia Media Network e ESAT, di operare nel Paese.

Il documentario indaga anche sulle problematiche e sulle nuove sfide, tra cui la riforma della legge anti- terrorismo usata finora dai regimi per condannare i giornalisti critici del governo. Da giugno 2019, proprio a causa di questa legge ancora attiva, si sono verificati altri arresti di giornalisti in Etiopia: ora sono almeno 6 i reporter in prigione.

“Si tratta di una tematica attuale che merita attenzione – spiega la producer Margherita Cargasacchi -. Il prossimo anno si terranno le elezioni in Etiopia e già ora, la situazione per i giornalisti è cambiata ancora rispetto al progresso raggiunto con Abiy Ahmed. L’anno scorso hanno perso la vita circa 95 giornalisti nel mondo, secondo l’International Federation of Journalists e quest’anno, almeno 236 si trovano in carcere. Stiamo assistendo a forti attacchi alla stampa anche in sistemi democratici, come l’Italia e gli Stati Uniti”.

Link al Documentario


CHI SIAMO – International Observatory of Human Rights

L’International Observatory of Human Rights è un’organizzazione indipendente non governativa con sede a Londra. L’attività della ONG si basa su quattro principali tematiche: libertà di stampa, migranti, prevenzione del terrorismo e individui ingiustamente detenuti nel mondo. Il team è composto da attivisti, avvocati, giornalisti pluripremiati e ricercatori. La ONG è dotata di una televisione online dedicata ai diritti, IOHR TV, con la quale IOHR amplifica le proprie campagne ed espone le violazioni dei diritti umani nel mondo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.