Sei qui:  / Articoli / Lavoro / Non chiamatele più “morti bianche”, non lo sono mai!

Non chiamatele più “morti bianche”, non lo sono mai!

 

Antonio Domante, operaio di 57 anni, è morto sul lavoro l’11 Ottobre, ucciso dal mezzo per triturare il legno a San Miniato (Pisa). Era dipendente di una ditta, la Igo&M.
Antonio è solo l’ultimo morto sul lavoro, di una miriade di vittime, che ci sono state quest’anno.
Molto spesso di questi poveri lavoratori non si sa neppure il nome, quando va bene ci sono le iniziali.
Come è capitato ad esempio a S.I il 4 Ottobre 2019, un ragazzo di 23 anni, morto sul lavoro mentre stava vendemmiando: è caduto da un rimorchio su cui stava lavorando, battendo violentemente la testa, riportando un trauma cranico, con emoraggia celebrale che gli e’ stato fatale.
Io, ad ogni modo, cerco di fare il possibile, per associare sempre un nome a questi lavoratori.
Lo faccio per restituirgli un pò di dignità!
Perchè, molto spesso si sente parlare, ad esempio è morto un operaio, è morto un muratore, è morto un elettricista, ma quasi mai vengono riportati i nomi.
Io lo dico sempre, sono PERSONE e non numeri, ricordiamocelo SEMPRE TUTTI quando ne parliamo.
Ci vuole rispetto per questi lavoratori, che sono partiti la mattina presto, per guadagnarsi il pane quotidiano, ma che la sera a casa non hanno fatto più ritorno.
Queste tragedie non fanno solo morti, rovinano famiglie, e rendono tanti giovani orfani e soli.
Dietro ad ogni lavoratore morto sul lavoro, ci sono famiglie che piangono i loro cari.
E mentre per gli altri finisce li, per queste famiglie rimane l’assenza, il dolore sempre!
Oramai è una mattanza quotidiana, che non conosce sosta alcuna, un bollettino di guerra sul lavoro.
Ed io non posso smettere di indignarmi di fronte a tutte queste tragedie.
La politica ha il dovere di dare risposte serie e concrete, perchè si riducano drasticamente tutte queste morti sul lavoro.
Il Governo Conte ha preso impegni precisi e importanti sulla sicurezza sul lavoro, ora stiamo aspettando che dalle parole si passi ai fatti.
Infine, non chiamatele più “morti bianche”, non lo sono MAI!!!

Marco Bazzoni-Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza-Firenze

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.