Sei qui:  / Articoli / Informazione / Conselice. La Libertà di Stampa e i giornalisti minacciati

Conselice. La Libertà di Stampa e i giornalisti minacciati

 

Piazza Libertà di Stampa: basterebbe già questo a dedicare un articolo a Conselice. Ma nel primo giorno di ottobre, nella cittadina romagnola, si è tenuta la cerimonia per il tredicesimo anniversario dell’inaugurazione della pedalina che rappresenta il Monumento alla Libertà di Stampa, al momento unico esempio italiano e – spiegava la sindaca Paola Pula – ‘gemello’ di un’opera simile presente in Spegna.

L’occasione della celebrazione è stata anche un’opportunità per consegnare al giornalista Paolo Berizzi una pergamena, per attestare la vicinanza dell’amministrazione comunale al collega vittima di minacce e intimidazioni per il suo lavoro d’inchiesta con il quale fa luce sul fenomeno del neofascismo: «Il fascismo del terzo millennio è sotto gli occhi di tutti – ha detto il cronista ritirando l’attestato –  con alcuni politici anche di centro sinistra che si sono prestati a sottovalutare e sminuire l’evidenza. Se può essere difficile vincere la guerra contro le mafie, per quanto riguarda il fascismo bastano due giorni; la Costituzione È anti-fascista e ci dà gli strumenti per sconfiggere il fascismo».

Ha poi preso la parola Mattia Motta, in rappresentanza della FNSI, di cui è segretario generale aggiunto: «Viviamo in quella che potremmo definire una democratura, un’epoca in cui la libertà di stampa è messa in discussione da attacchi di ogni tipo: dalle minacce e le intimidazioni alle querele temerarie, che tentano di ridurre al silenzio le voci scomode al potere. Porto qui, in questa piazza, la proposta del Presidente della Federazione Nazionale Stampa Italiana Beppe Giulietti: facciamo nascere a Conselice un Osservatorio Europeo per valutare il fenomeno dei giornalisti minacciati».

Ha immediatamente accolto la proposta l’Assessore Regionale al Turismo Andrea Corsini: «Come Regione Emilia Romagna abbiamo fortemente voluto questo monumento e come regione saremo vicini al progetto di un Osservatorio europeo. La stampa clandestina era una voce di verità negli anni bui e il diritto alla Libertà di Stampa oggi deve essere difeso». Chiaramente anche la prima cittadina di Conselice si è unita alla dichiarazione dell’assessore Corsini.

Infine ha preso la parola il Presidente dell’Associazione Stampa Emilia Romagna, Matteo Naccari: «Prendiamo posizione contro il precariato dilagante, perché una stampa precaria non può essere una stampa libera».

Ai ragazzi delle scuole di Conselice è stato consegnato da ASER il premio “Camillo Galba”, per la redazione del progetto ‘Carta Canta – un giornale a colori’, inserito nel progetto Cittadinanza e Costituzione realizzato dalle classi IV e V della Primaria di Lavezzola e Conselice .

Il programma delle iniziative proseguirà nei prossimi giorni. Sabato 5 ottobre, presso il teatro comunale, è previsto un intervento di Loris Mazzetti, che si rivolgerà proprio ai ragazzi delle scuole in un evento intitolato: ANTIFASCISMO, ANTIMAFIA, ANTIRAZZISMO: LE VIE DELLA LEGALITÀ.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE