Sei qui:  / Articoli / Iniziative Articolo21 / Mafie / Si aprono a Torino le giornate del Premio Roberto Morrione per il giornalismo investigativo

Si aprono a Torino le giornate del Premio Roberto Morrione per il giornalismo investigativo

 

L’Associazione Amici di Roberto Morrione e Libera Piemonte organizzano a Torino venerdì 29 settembre, dalle ore 20.30 alle ore 23.00, una serata dedicata alla figura di Mauro Rostagno, sociologo e giornalista assassinato dalla mafia il 26 settembre 1988 a Valderice in provincia di Trapani a causa della sua attività di inchiesta giornalistica. L’incontro verrà moderato da Lorenzo Frigerio, coordinatore di LiberaInformazione, e vi prenderanno parte Enrico Deaglio, giornalista e scrittore e Mara Filippi Morrione, portavoce dell’associazione Amici di Roberto Morrione.

Durante la serata verrà proiettata l’inchiesta giornalistica “I depistaggi del caso Rostagno” di Davide Pecorelli Simone Bauducco prodotta da Libera Piemonte e pubblicata da Repubblica.it.

Con questa iniziativa, che si svolge a pochi giorni dal 29′ anniversario della morte di Mauro Rostagno, Libera Torino e l’associazione Amici di Roberto Morrione vogliono ricordare la storia di questo giornalista dalla schiena dritta e approfondire i depistaggi che hanno cercato di oscurare la verità sul suo assassinio. A volere la sua eliminazione, come stabilito dalla Prima Corte d’Assise di Trapani a maggio del 2014, è stata Cosa nostra che ha voluto fermare un giornalista che non aveva paura di fare i nomi e raccontare le connivenze tra mafia, politica e massoneria nella Trapani degli anni ’80. Per lunghi anni, attorno alle ragioni della sua morte, si sono percorsi scenari investigativi che escludevano la mafia.

False notizie, inchieste inesatte e depistaggi hanno rallentato l’accertamento della verità, raggiunta ben 25 anni  dopo l’assassinio. Con questa serata prende il via la fitta programmazione delle giornate di premiazione del Premio Roberto Morrione 2017 che proseguiranno con un’ anteprima a Ferrara al Festival di Internazionale il 1° ottobre e continueranno a Torino dal 19 al 21 ottobre e avranno come filo conduttore il rapporto tra il giornalismo investigativo e le fake news.

Il Premio Morrione nasce nel 2011 per tenere vivi la memoria e l’impegno civile e professionale di Roberto Morrione, giornalista Rai, fondatore della rete allnews Rainews24 e di LiberaInformazione, osservatorio sull’informazione per la legalità e contro le mafie.  Nato come sezione autonoma del Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi, alla cessazione di quest’ultimo, è organizzato in autonomia dall’Associazione Amici di Roberto Morrione con l’obiettivo di promuovere, sostenere e incentivare il giornalismo investigativo. Il Premio, giunto oggi alla sesta edizione, finanzia la realizzazione di progetti d’inchiesta (video e webdoc) di giovani under 31 su temi di cronaca nazionale e internazionale rilevanti per la vita politica, sociale o culturale dell’Italia.

Le giornate del Premio Morrione a Torino sono organizzate dall’associazione Amici di Roberto Morrione, dalla Rai con il finanziamento dell’8×1000 della Chiesa Valdese, del Consiglio Regionale del Piemonte, della Fondazione Crt, della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, dell’USIGRai e in collaborazione con Articolo 21, Associazione Stampa Subalpina, Circolo dei Lettori, Il Journal, I Siciliani, LiberaInformazione, Libera Piemonte, Master giornalismo “Giorgio Bocca” dell’Università di Torino, Ordine dei Giornalisti del Piemonte, Osservatorio di Pavia, Premio Città di Sasso Marconi, Rai Teche, Report, Scuola di Giornalismo Lelio Basso, Tavola della pace, UCSI. L’evento è patrocinato dalla Presidenza della Camera dei deputati e sono media partner: Rainews24, Radio 3 Rai, TGR, Internazionale, La Stampa, Riforma, Radio Beckwith, La Repubblica.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*