Sei qui:  / Articoli / Lavoro / Morti sul lavoro – Un vademecum

Morti sul lavoro – Un vademecum

 

1)      Da quando il 1° gennaio 2008 è stato aperto l’Osservatorio Indipendente di Bologna le morti per infortunio sul lavoro non sono mai calate se si prendono in considerazione tutte le morti sul lavoro e non solo gli assicurati INAIL, istituto che monitora solo i propri assicurati

2)      In base a questi presunti cali inesistenti e diffusi dalla stampa, dal potere politico e economico in Parlamento si sono fatte leggi per alleggerire le normative sulla sicurezza

3)      Almeno un terzo dei morti sul lavoro sfuggono a qualsiasi statistica perchè non sono rilevate da nessuno

4)      In questi dieci anni sono morti per infortunio sul lavoro oltre 13.000 lavoratori se si prendono in considerazione tutti, compresi i morti sulle strade e in itinere

5)      Ogni anno oltre la metà dei morti sul lavoro sono sulle strade e in itinere (itinere significa mentre si va e si torna dal lavoro). La mancata conoscenza delle normative specifiche sull’itinere è spesso una trappola che impedisce il riconoscimento dell’infortunio, anche mortale e questo vale per tutti i lavoratori indipendentemente il lavoro che svolgono. Tutti si spostano da casa verso e al ritorno dal lavoro

6)      Sui luoghi di lavoro in questi dieci anni sono morti oltre 7000 lavoratori (esclusi i morti sulle strade e in itinere)

7)      Le donne muoiono relativamente poco sui luoghi di lavoro, ma tantissime perdono la vita in itinere.  Sono dovute alla stanchezza per il doppio lavoro che svolgono tra casa e lavoro che ne riduce la prontezza dei riflessi

8)      Oltre il 30% dei morti sui luoghi di lavoro ha più di 60 anni

9)      La Legge Fornero ha fatto aumentare le morti sul lavoro tra gli ultra sessantenni che non hanno più i riflessi pronti e buona salute per svolgere lavori pericolosi.

10)   Il jobs act che ha abolito di fatto l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori fa aumentare le morti sul lavoro per l’impossibilità di rifiutarsi di svolgere lavori pericolosi. Prova ne è che la stragrande maggioranza di chi muore per infortunio lavora in aziende che non hanno la copertura dell’articolo 18, di rappresentanza sindacale o di un responsabile della Sicurezza. L’articolo 18 abolito dal jobs acts recitava che non si può licenziare senza Giusta Causa e Giustificato Motivo.

11)   Moltissime sono le morti tra artigiani e partite iva individuali e in nero e grigio.

12)   E’ l’agricoltura la categoria più a rischio: mediamente supera ogni anno il 30% delle morti sui luoghi di lavoro di tutte le categorie

13)   Un morto si cinque sui luoghi di lavoro ogni anno è provocato dal trattore, ne sono morti in questi dieci anni almeno 1000 mentre guidavano questo mezzo, oltre 400 sono i morti accertati dall’Osservatorio provocati dal ribaltamento del trattore in questi ultimi tre anni.

14)   L’edilizia ha mediamente il 20% di tutte le morti sui luoghi di lavoro ogni anno. Le cadute dall’alto sono un’autentica piaga in questa categorie. In tanti muoiono lavorando in nero in edilizia, soprattutto in aziende del subappalto.

15)   In questi dieci anni non si è fatto niente per arginare questa piaga, il Parlamento ha ignorato le morti di tanti lavoratori e questo per il semplice fatto che il lavoro dipendente e gli artigiani non hanno nessuna rappresentanza di fatto nelle due Camere.

16)   Se non vuoi morire lavorando occupati in prima persona della tua sicurezza personale, rifiutati di svolgere lavori pericolosi e denuncia chi ti obbliga a farlo,  se non ne hai la forza di opporti per la possibilità di perdere il posto di lavoro lascia una memoria scritta ai tuoi familiari o amici se sei immigrato, che potranno un domani denunciare queste autentiche violenze contro i più deboli.

Carlo Soricelli curatore dell’Osservatorio Indipendete di Bologna morti sul lavoro http://cadutisullavoro.blogspot.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE