Sei qui:  / Articoli / Informazione / Siani, il modo migliore per ricordarlo è mettere i fatti in primo piano

Siani, il modo migliore per ricordarlo è mettere i fatti in primo piano

 

Il giornalista -giornalista racconta fatti anche quando sono scomodi,anche quando possono determinare delle reazioni nei suoi confronti. Celebrare Giancarlo Siani in occasione del trentennale del suo assassinio vuol dire anche affermare il primo principio deontologico della nos‎tra professione: le verita’ che si conoscono si raccontano e non si celano per timori o convenienze. Solo cosi’ si saldano virtuosamente diritto di sapere e dovere d’informare. Altrimenti restano slogan. E’ la grande lezione che ci ha lasciato un giovane ucciso ad appena 26 anni, con alle spalle piu’ che una grande carriera, una grande passione. Giancarlo non custodiva segreti,che qualcuno temeva potesse rivelare,non aveva lo scoop nella manica.Portava semplicemente con se’ la religione professionale dell’impegno quotidiano,senza soste,ne’ reticenze. E questo dava fastidio, molto fastidio ai clan che volevano trafficare, allearsi,combattersi o tradirsi, senza che i cittadini attraverso il giornalista-giornalista come ben affresca il film di Marco Risi “Fort Apasc”, potessero ficcare il naso. Allora crediamo che il modo migliore per celebrare Giancarlo e la sua lezione sia mettere i fatti in primo piano. Dal sito a lui dedicato recuperiamo e pubblichiamo il pezzo pieno di dettagli e divulgazioni piu’ che rivelazioni “scomode” che ne determino’, sulla base di quel che e’ stato definitivamente accertato in sede giudiziale ,la sua condanna a morte da parte della camorra.

Atto di una condanna a morte
Articolo pubblicato da “Il Mattino” del 10 giugno 1985; che decretò la sua condanna a morte

Potrebbe cambiare la geografia della camorra dopo l’arresto del super latitante Valentino Gionta. Già da tempo, negli ambienti della mala organizzata e nello stesso clan dei Valentini di Torre Annunziata si temeva che il boss venisse «scaricato», ucciso o arrestato.
Il boss della Nuova famiglia che era riuscito a creare un vero e proprio impero della camorra nell’area vesuviana, è stato trasferito al carcere di Poggioreale subito dopo la cattura a Marano l’altro pomeriggio. Verrà interrogato da più magistrati in relazione ai diversi ordini e mandati di cattura che ha accumulato in questi anni. I maggiori interrogativi dovranno essere chiariti, però, dal giudice Guglielmo Palmeri, che si sta occupando dei retroscena della strage di Sant’Alessandro.

Dopo il 26 agosto dell’anno scorso il boss di Torre Annunziata era diventato un personaggio scomodo. La sua cattura potrebbe essere il prezzo pagato dagli stessi Nuvoletta per mettere fine alla guerra con l’altro clan di «Nuova famiglia», i Bardellino. I carabinieri erano da tempo sulle tracce del super latitante che proprio nella zona di Marano, area d’influenza dei Nuvoletta, aveva creduto di trovare rifugio. Ma il boss di Torre Annunziata, negli ultimi anni, aveva voluto «strafare».

La sua ascesa tra il 1981 e il 1982: gli anni della lotta con la «Nuova camorra organizzata» di Raffaele Cutolo. L’11 settembre 1981 a Torre Annunziata vengono eliminati gli ultimi due capizona di Cutolo nell’area vesuviana, Salvatore Montella e Carlo Umberto Cirillo. Da boss indiscusso del contrabbando di sigarette (un affare di miliardi e con la possibilità di avere a disposizione un elevato numero di gregari) Gionta riesce a conquistare il controllo del mercato ittico.
Con una cooperativa, la Do. Gi. pesca (figura la moglie Gemma Donnarumma), mette le mani su interessi di miliardi. È la prima pietra della vera e propria holding che riuscirà a ingrandire negli anni successivi. Come «ambulante ittico», con questa qualifica è iscritto alla Camera di Commercio dal ‘68, fa diversi viaggi in Sicilia dove stabilisce contatti con la mafia. Per chi può disporre di alcune navi per il contrabbando di sigarette (una viene sequestrata a giugno al largo della Grecia, un’altra nelle acque di Capri) non è difficile controllare anche il mercato della droga.

È proprio il traffico dell’eroina uno degli elementi di conflitto con gli altri clan in particolare con gli uomini di Bardellino che a Torre Annunziata avevano conquistato una fetta del mercato. I due ultimatum lanciati da Gionta (il secondo scadeva proprio il 26 agosto) sono alcuni dei motivi che hanno scatenato la strage. Ma il clan dei Valentini tenta di allargarsi anche in altre zone. Il 20 maggio a Torre Annunziata viene ucciso Leopoldo Del Gaudio, boss di Ponte Persica, controllava il mercato dei fiori di Pompei. A luglio Gionta acquista camion e attrezzature per rimettere in piedi anche il mercato della carne. Un settore controllato dal clan degli Alfieri di Boscoreale, legato a Bardellino.

Troppi elementi di contrasto con i rivali che decidono di coalizzarsi per stroncare definitivamente il boss di Torre Annunziata. E tra i 54 mandati di cattura emessi dal Tribunale di Napoli il 3 novembre dell’anno scorso ci sono anche i nomi di Carmine Alfieri e Antonio Bardellino. Con la strage l’attacco è decisivo e mirato a distruggere l’intero clan. Torre Annunziata diventa una zona che scotta. Gionta Valentino un personaggio scomodo anche per gli stessi alleati. Un’ipotesi sulla quale stanno indagando gli inquirenti e che potrebbe segnare una svolta anche nelle alleanze della «Nuova famiglia». Un accordo tra Bardellino e Nuvoletta avrebbe avuto come prezzo proprio l’eliminazione del boss di Torre Annunziata e una nuova distribuzione dei grossi interessi economici dell’area vesuviana. Con la cattura di Valentino Gionta salgono a ventotto i presunti camorristi del clan arrestati da carabinieri e polizia dopo la strage.
Ancora latitanti il fratello del boss, Ernesto Gionta, e il suocero, Pasquale Donnarumma.

Fonte: GiancarloSiani.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE