Sei qui:  / Articoli / Culture / Marcello Gatti; se ne va un Maestro della luce

Marcello Gatti; se ne va un Maestro della luce

 

Con immenso dolore ieri dal TG di RAI News delle 23,00 ho appreso la notizia della scomparsa del direttore della fotografia Marcello Gatti. Nato a Roma il 9 febbraio del 1924 è stato un autore della fotografia importante e significativo per il cinematografia italiana, una lunga e importante carriera riconosciuta con 5 Nastri d’argento, 3 film nominati agli Oscar (ricordando il film di Pontecorvo e, Le Quattro giornate di Napoli di Nanny Loy),  una Palma d’oro a Cannes (Chroniques des années de braise); lavorò con Polanski e Lizzani. Per la tv collaborò  in Mosè con Burt Lancaster e seguì la serie della Piovra.

Ho avuto l’onore e il piacere di conoscerlo e lavorare con lui nel film “TernoSecco” per la Regia di Giancarlo Giannini. (1987) Un uomo straordinario, con una umanità infinita, sempre pronto a collaborare per risolvere i problemi insidiosi e infiniti di un set cinematografico. Un professionista che ricordo con affetto per tutto quello che mi ha insegnato in quel lavoro. Spesso viene ricordato per il film, la Battaglia d’Algeri (1966) Leone d’oro a Venezia e 3 nomination agli Oscar; Le Quattro giornate di Napoli (1962) di Nanni Loy, anch’esso nominato agli Oscar. Con Pontecorvo girò Queimada.  Roman Polanski gli affida il suo film italiano (1972; Che?) con M. Mastroianni. Dei suoi lavori televisivi ricordiamo Specchio Segreto di Nanni Loy; gli sceneggiati con Gianni Morandi; la quinta e la sesta serie del poliziesco La Piovra con lo struggente addio di Vittorio Mezzogiorno; Assicurazione sulla morte di Carlo Lizzani e il Mosè con Burt Lancaster.

Sempre vicino alla sinistra Gatti venne arrestato nel 1943 per aver scritto sui muri di Cinecittà frasi inneggianti alla libertà. Fu condannato a cinque anni di carcere, tramutati in confino;  nel 1968 occupò il Centro Sperimentale di Cinematografia con gli studenti e altri personaggi del cinema italiano come Bellocchio e Bertolucci. È stato a lungo presidente dell’Associazione Italiana dei direttori della fotografia (Aic).

Riconoscimenti:

Nastro d’argento alla migliore fotografia  1967 (bianco e nero): La battaglia di Algeri – 1971 (bianco e nero): Sierra Maestra – 1971 (colore): Anonimo veneziano – 1986Inganni –Laceno d’oro 1982: Targa Pietro Bianchi – Premio Gianni Di Venanzo 2002: premio alla carriera

I  lavori più significativi: Cronaca di un delitto, regia di Mario Sequi (1953) – Un giorno da leoni, regia di Nanni Loy (1962) – Le quattro giornate di Napoli, regia di Nanni Loy (1962) – I cuori infranti, episodio La manina di Fatma, regia di Vittorio Caprioli (1963) – Frenesia dell’estate, regia di Luigi Zampa (1963) – Una moglie americana, regia di Gian Luigi Polidoro (1965) – La battaglia di Algeri, regia di Gillo Pontecorvo (1966) – I protagonisti, regia di Marcello Fondato (1968) – Queimada, regia di Gillo Pontecorvo (1969) –Anonimo veneziano, regia di Enrico Maria Salerno (1970) – Girolimoni, il mostro di Roma, regia di Damiano Damiani (1972) – Che? (What?), regia di Roman Polański (1972) –Baciamo le mani, regia di Vittorio Schiraldi (1973) – La polizia ha le mani legate, regia di Luciano Ercoli (1975) – Mark il poliziotto, regia di Stelvio Massi (1975) – Bluff – Storia di truffe e di imbroglioni, regia di Sergio Corbucci (1976) – Tre tigri contro tre tigri, regia di Sergio Corbucci e Steno (1977) – Eutanasia di un amore, regia di Enrico Maria Salerno (1980) – La salamandra (The Salamander), regia di Peter Zinner (1981) – Delitti, amore e gelosia, regia di Luciano Secchi (1982) – Inganni, regia di Luigi Faccini (1985) –Ternosecco, regia di Giancarlo Giannini (1987) – Rosso veneziano (Rouge Venise), regia di Etienne Périer (1989) – Venere paura, regia di Hirtia Solaro (1991)

Televisione: Mosè, la legge del deserto, regia di Gianfranco De Bosio (1974) – Voglia di cantare, regia di Vittorio Sindoni (1985) – Assicurazione sulla morte, regia di Carlo Lizzani(1987) – La voglia di vincere, regia di Vittorio Sindoni (1987) – Una vittoria, regia di Luigi Perelli (1988) – La piovra 5 – Il cuore del problema, regia di Luigi Perelli (1990) – Non siamo soli, regia di Paolo Poeti (1991) – La piovra 6 – L’ultimo segreto, regia di Luigi Perelli (1992) – La piovra 7 – Indagine sulla morte del commissario Cattani, regia di Luigi Perelli (1995)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE