Sei qui:  / Articoli / Esteri / Dramma Covid-19 in Serbia: bugie di stato

Dramma Covid-19 in Serbia: bugie di stato

 

Nelle settimane che hanno preceduto le elezioni politiche la vita in Serbia andava avanti come se il coronavirus non ci fosse più. Ma non era così, ed ora si rischia il dramma. Politica, bugie e contagi in quest’analisi

A più di tre mesi dalla proclamazione dell’epidemia di coronavirus, in Serbia si registra un drammatico aumento di contagi e decessi da Covid 19. La brusca impennata di nuovi casi di coronavirus ha coinciso con la campagna elettorale per le elezioni politiche, tenutesi lo scorso 21 giugno, durante la quale sono state revocate quasi tutte le misure di contenimento del contagio.

Nel frattempo sono emersi nuovi dati sui pazienti contagiati e morti da Covid 19, che divergono da quelli diffusi dalle autorità. Pertanto, è lecito supporre che alla vigilia delle elezioni le autorità abbiano taciuto il vero numero di contagiati e morti.

In Serbia lo stato di emergenza a causa della pandemia di coronavirus è stato proclamato lo scorso 15 marzo ed è stato revocato lo scorso 6 maggio. Lo stato di emergenza è stato introdotto, tra l’altro, perché questo era l’unico modo legittimo per posticipare le elezioni politiche, inizialmente fissate per lo scorso 26 aprile. La revoca delle misure di contenimento più severe, motivata con un presunto calo dei contagi, ha consentito al presidente Aleksandar Vučić di organizzare le elezioni prima che emergessero tutte le conseguenze dell’epidemia di coronavirus, sia sanitarie che economiche.

E prima del trionfo del Partito progressista serbo (SNS) guidato da Vučić, che ha ottenuto una vittoria schiacciante alle elezioni politiche, in Serbia sono stati organizzati numerosi comizi elettorali e concerti. Inoltre, la Serbia è il primo paese dove, nel bel mezzo della pandemia, si è tenuta una partita di calcio con 16mila tifosi sugli spalti, senza alcuna misura di protezione. La vita andava avanti come se il coronavirus non ci fosse più, fino all’indomani del voto.

Cittadini e medici protestano

Nel sud-ovest della Serbia, nella regione del Sangiaccato, dove vivono molti bosgnacchi, di fede islamica, un primo aumento del numero di contagi si è verificato dopo la festa di fine Ramadan celebrata lo scorso 24 maggio. Successivamente nel Sangiaccato sono stati organizzati diversi comizi elettorali a cui hanno partecipato numerosi cittadini, senza alcun dispositivo di protezione. Subito dopo le elezioni è stato reso noto che 20 medici e 40 infermieri dell’Ospedale generale di Novi Pazar, la più grande città della regione, sono stati contagiati dal coronavirus e a quel punto è emerso che il numero di pazienti con sintomi gravi stava crescendo ormai da giorni.

Poco dopo da Novi Pazar, ma anche dalle città vicine di Tutin e Sjenica, sono giunte le testimonianze di alcuni medici e cittadini che, sui social network e sui media indipendenti, hanno parlato di come negli ospedali del Sangiaccato mancassero i più basilari dispositivi e farmaci, dalle mascherine ai guanti, dall’ossigeno ai respiratori, ma anche personale medico. All’inizio di aprile il presidente Vučić ha consegnato personalmente  13 respiratori all’ospedale di Novi Pazar, ma poi è emerso che alcuni di questi respiratori non erano funzionanti.

A destare ulteriore preoccupazione nei cittadini del Sangiaccato è stata la notizia secondo cui le autorità locali avrebbero indetto una gara d’appalto per l’acquisto di bare di metallo, il cui uso non è previsto dal rito funebre dei bosgnacchi, suggerendo che le autorità si stavano preparando al peggio. Le immagini dei pazienti sdraiati nei corridoi degli ospedali hanno ricordato le immagini che qualche mese fa ci giungevano dall’Italia e dalla Spagna. Mentre le autorità tacevano, i medici del Sangiaccato hanno chiesto aiuto pubblicamente, e l’aiuto è arrivato dai cittadini che hanno organizzato una raccolta fondi sui social.

Quando, lo scorso 30 giugno, la premier Ana Brnabić e il ministro della Salute Zlatibor Lončr si sono finalmente recati a Novi Pazar, i cittadini li hanno accolti con fischi e urla, gridando: “ladri” e “mafia”, mentre alcuni medici hanno voltato loro le spalle in segno di protesta. La premier ha commentato la reazione di cittadini e medici, definendola una politicizzazione e aggiungendo che non si lascerà intimidire.

Qualche giorno più tardi si è fatto sentire anche il presidente Vučić, affermando che l’ospedale di Novi Pazar è uno dei migliori ospedali in Serbia, che dispone di tutte le attrezzature necessarie e che la notizia secondo cui i respiratori che lui aveva consegnato all’ospedale di Novi Pazar non sarebbero funzionanti è una bugia. Le notizie che continuano ad arrivare dal Sangiaccato smentiscono quanto affermato da Vučić, mentre i medici e i familiari delle persone affette da Covid 19 testimoniano della grave situazione negli ospedali e ambulatori nella regione.

Dati divergenti

Il giorno dopo le elezioni, lo scorso 22 giugno, il portale di giornalismo investigativo BIRN, citando dati provenienti dal sistema nazionale di informazione sul Covid 19, ha riportato che in Serbia il numero di contagiati e morti da coronavirus è superiore a quello riferito dall’Unità di crisi per il contenimento della diffusione del virus istituita dal governo. Secondo un documento di cui BIRN è venuto in possesso, in Serbia nel periodo compreso tra il 19 marzo e l’1 giugno 2020 632 persone sono morte per Covid 19, una cifra superiore a quella ufficiale, pari a 244 unità. Nell’ultima settimana prima delle elezioni, il numero di nuovi contagi oscillava tra 300 e 340 al giorno, numeri molto superiori a quelli comunicati dalle autorità, che parlavano di 97 nuovi casi al giorno.

Secondo i dati comunicati dalle autorità, nei giorni immediatamente precedenti le elezioni ci sarebbe stato un solo decesso legato al Covid 19 al giorno. A suscitare dubbi sulla possibilità che il numero di decessi fosse superiore a quello dichiarato è il dato, riportato da BIRN, secondo cui lo scorso 12 aprile, giorno in cui è stato raggiunto il picco dei decessi, sono morte 23 persone, mentre le autorità hanno dichiarato 6 decessi. I medici dell’Unità di crisi, che prima delle elezioni ogni giorno hanno fornito all’opinione pubblica informazioni sull’andamento dell’epidemia, ora cercano di spiegare quella differenza tra decessi comunicati e quelli effettivi con il fatto che esistono vari sistemi di notifica di nuovi contagi e morti.

Tuttavia, questa spiegazione lascia aperta una domanda: com’è possibile che i dati di cui BIRN è venuto in possesso parlino di 77 morti da Covid 19 a Niš, nel sud della Serbia, mentre secondo i dati provenienti da un altro documento ufficiale a Niš nello stesso periodo i decessi per Covid 19 sarebbero stati 243. Resta ignoto chi e come abbia cambiato i dati che fin dall’inizio della pandemia venivano comunicati dagli esperti dell’Unità di crisi.

Il governo nega ogni responsabilità

La premier Ana Brnabić ha cercato di spiegare queste divergenze nei dati ufficiali in un modo del tutto particolare. “Diciamo che ho i sintomi, vado in un ambulatorio Covid, mi fanno il tampone e risulto positiva. […] Poi presento complicazioni, decido di andare alla Clinica di malattie infettive e vengo investita da un autobus […] Pensate che io debba essere registrata come morta per coronavirus? E di casi come questo chissà quanti ce ne sono…”, ha affermato la premier.

Non si sa quanti cittadini serbi siano stati investiti da un autobus durante la pandemia, ma è altrettanto difficile stabilire quante siano le persone contagiate dal coronavirus, e una parte dell’opinione pubblica dubita della veridicità delle informazioni ufficiali sul numero di decessi.

Entro la fine della scorsa settimana in dieci città serbe è stata dichiarata la cosiddetta situazione straordinaria, che comprende varie misure, tra cui il divieto di assembramenti e sanzioni per chi non rispetta l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi. Ma nonostante il peggioramento della situazione epidemiologica, le elezioni che, a causa di varie irregolarità, dovevano essere ripetute in 234 seggi elettorali si sono svolte lo scorso 1 luglio.

Il governo continua a ripetere che la situazione è sotto controllo, che le condizioni degli ospedali serbi sono “come in Germania” e incomparabilmente migliori rispetto ad altri paesi della regione. I funzionari statali negano che l’aumento di contagi e morti abbia a che fare con la campagna elettorale ed evitano di commentare certe notizie, come quella secondo cui almeno 11 funzionari dell’SNS e stretti collaboratori di Vučić, tra cui anche la presidente uscente del parlamento serbo Maja Gojković, avrebbero contratto il coronavirus durante una festa organizzata nella notte delle elezioni per celebrare la vittoria dell’SNS.

L’ennesima decisione irragionevole del governo, quella di chiudere le residenze universitarie a Belgrado, dove vivono gli studenti provenienti da tutta la Serbia, ha suscitato una rivolta degli studenti che sono scesi in strada per protestare. La decisione è poi stata revocata per evitare nuovi disordini e gli studenti sono rimasti a Belgrado. Così è stato evitato il rischio di un ulteriore diffusione del virus, dato che un focolaio di nuovi casi è stato registrato proprio tra gli studenti che hanno sostenuto gli esami all’Università di Belgrado nella sessione estiva.

Sui media indipendenti e sui social network continuano a circolare le immagini sconvolgenti di persone che aspettano davanti agli ambulatori di essere sottoposte a tampone, le testimonianze di persone che con febbre alta sono state rimandate a casa dall’ospedale, gli appelli dei medici che chiedono aiuto. All’inizio della pandemia, uno dei medici dell’Unità di crisi del governo serbo ha dichiarato che il coronavirus è “il virus più ridicolo al mondo”. Quattro mesi dopo, nessuno ci ride più sopra.

Fonte: BalcaniCaucaso

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.