Sei qui:  / Articoli / Interni / Via Rasella. 76 anni fa

Via Rasella. 76 anni fa

 

Il 23 marzo  1944 a via Rasella fu condotta un’azione della resistenza Romana  da parte dei Gruppi di Azione Patriottica  GAP unità partigiane del Partito comunista Italiano .contro un reparto delle forze d’occupazione tedesche,   ( l’11ª Compagnia del III Battaglione del Polizeiregiment “Bozen”, appartenente alla Ordnungspolizei (polizia d’ordine) e composto da reclute altoatesine.

Fu il più sanguinoso e clamoroso attentato urbano antitedesco in tutta l’Europa occidentale.

A questa azione ha partecipato Carla Capponi ( Roma 7 dicembre 1918 – Zagarolo 24 novembre 2000)  insieme Rosario Bentivegna detto Paolo (Roma 22 aprile 1922 – Roma 2 aprile 2012) Partigiano e scrittore italiano  .

In particolare ricordare questa donna é ricordare una persona della Borghesia romana che ha fatto una scelta importante in un momento significativo della vita Italiana contribuendo al  ripristino di 4 libertà in cui ha creduto : di Pensiero, di Parola, dalla Paura, dal Bisogno .ed è stata protagonista di quello che é chiamato da Eric J. Hobsam “Il secolo breve”.

Vorrei ricordare le parole  di Carla Capponi ad una giovane donna:

Ogni epoca del nostro vivere ci riserva, purtroppo difficoltà e pericoli. Il fatto è che essi hanno tempi diversi: il mio del passato e il vostro dell’avvenire. Presentano anche per questo, aspetti diversi che possono, se superati il senso di una gratificazione, di un equilibrio ritrovato, di una “vittoria” conseguita e allora la misura dei sentimenti è identica: che tu abbia superato un esame difficile a scuola – uno dei  primi traguardi – o che tu sia riuscita a salvarti da un arresto delle SS gettandoti dalla finestra e scappando nel buio della notte. E’ solo la spettacolarità della vicenda che ci illude sul valore di quella prova, credimi. Ogni atto della nostra  vita richiede prontezza decisione, impegno, volontà determinazione, ma soprattutto “cuore”, e anche un poco di fortuna, che consiste in quell’insieme di fatti coincidenti che ti aiutano, se riesci a vincere l’indolenza e la sfiducia in te stessa.

Ricordare le motivazioni per la MEDAGLIA D’ORO AL VALOR MILITARE.

«Partigiana volontaria ascriveva a sé l’onore delle più eroiche imprese nella caccia senza quartiere che il suo gruppo d’avanguardia dava al nemico annidato nella cerchia dell’abitato della città di Roma. Con le armi in pugno, prima fra le prime, partecipava a decine di azioni distinguendosi in modo superbo per la fredda decisione contro l’avversario e per spirito di sacrificio verso i compagni in pericolo. Nominata vice comandante di una formazione partigiana guidava audacemente i compagni nella lotta cruenta, sgominando ovunque il nemico e destando attonito stupore nel popolo ammirato da tanto ardimento. Ammalatasi di grave morbo contratto nella dura vita partigiana, non volle desistere nella sua azione fino a fondo impegnata per il riscatto delle concusse libertà. Mirabile esempio di civili e militari virtù del tutto degna delle tradizioni di eroismo femminile del Risorgimento italiano.»

— Roma, 8 settembre 1943 – 6 giugno 1944.

L’azione a Via Rasella  e il conseguente  eccidio alle Fosse Ardeatine  é ricordare un atto eroico  di persone normali come Carla Capponi e Rosario Bentivegna

Nel tempo del CORONAVIRUS  ricordare Carla Capponi, é ricordare una giovane donna che in un momento di difficoltà  ha deciso di dare il suo contributo, come stanno facendo molte persone comuni in Italia in questo periodo di grande difficoltà. mettendosi in gioco con atti di grande generosità.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE