Sei qui:  / Articoli / Culture / Sanremo: spazio a temi ambientali nella serata finale

Sanremo: spazio a temi ambientali nella serata finale

 

Alla cortese attenzione dell’ Amministratore Delegato 
Fabrizio Salini
al Direttore di Rai Uno Stefano Coletta
al  Direttore Artistico di Sanremo Amadeus

In una lettera aperta al Direttore del Fatto Quotidiano il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare Sergio Costa, traendo spunto da un pregevole articolo di Vittorio Emiliani, ha fatto appello al servizio pubblico RAI affinché tratti con coraggio e diffusamente il tema del cambiamento climatico e più in generale della conservazione dell’ambiente e della biodiversità.
Il ministro Costa si sofferma sui preoccupanti dati di un rapporto Econmedia che ci svelano una terribile realtà: solo il 10% del totale notizie in TV trattano temi legati agli animali e ambiente.
Questo dimostra ancora scarso coraggio e paura da parte degli editori nell’ affrontare questi temi perché spesso vanno a scontrarsi con il mercato pubblicitario che tende purtroppo al consumo poco consapevole.
La lettera appello del Ministro si chiude con il seguente invito: “Credo che oggi ci sia bisogno come non mai di un ‘informazione e di una divulgazione ambientale corretta e accattivante. Informare i cittadini in modo obiettivo è il primo passo per renderli ambasciatori dell’ambiente, parte attiva nella salvaguardia del pianeta che non può più essere rimandata.”
Faccio mie queste meravigliose parole che possono essere considerate una fondamentale integrazione al contratto di servizio, ma anche un manifesto a tutela dell’ambiente del servizio pubblico multimediale che può tornare a ribadire con forza il suo ruolo centrale e insostituibile nella vita del nostro paese.
Chiedo pertanto all’AD Salini, al direttore di RaiUno e al Direttore Artistico di costruire uno spazio di riflessione sulla tutela dell’ambiente e della biodiversità  durante l’ultima puntata del Festival di Sanremo 2020. Sarà un modo per raggiungere in una magica sera tanti potenziali e nuovi ambasciatori del pianeta.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.