Sei qui:  / Articoli / Informazione / Piero non finiva mai di essere giovane anticonformista e ribelle, ironico e buono

Piero non finiva mai di essere giovane anticonformista e ribelle, ironico e buono

 

“ non accenna a diminuire l’ondata di maltempo…”. Ma ma ti sembra un attacco sensato? Parleresti mai a qualcuno dei tuoi amici in questa maniera ? Piero sapeva essere duro e l’ho sperimentato con i miei primissimi anni alla Rai stanza 309 terzo piano B Corso Sempione 27. Lezioni indimenticabili in una Rai ancora ingessata con un’età media molto alta e pure con alcuni esempi luminosi Beppe Viola Piero Scaramucci. Piero era il mio compagno di banco. Da lui ho imparato tutto o almeno ho cercato di farlo. Di nascosto quando se ne andava frugavo tra i vecchi nastri dei nagra. Ascoltavo i suoi incredibili reportage sui primi movimenti di contestazione degli anni 60 cercavo di imitare la sua voce inconfondibile cercavo di rubargli il segreto del grande radio telecronista che era. Negli anni Piero è diventato noto per la sua attività sindacale e per le sue battaglie politiche. Ha fondato il gruppo di Fiesole insieme a Beppe Giulietti e poi è stato tra i fondatori di articolo 21. Ha inventato radio popolare che ha cambiato il modo di fare informazione in Italia. E allora non c’erano i telefonini e i cronisti dovevano andare armati di gettoni per le strade e trascinare lì le persone da intervistare. Ma io voglio ricordare oggi soprattutto il Piero fratello maggiore chioccia di tanti giovani giornalisti come me alla Rai,a radio popolare è un po’ dappertutto nei giornali. Un Piero che nonostante il passare degli anni non finiva mai di essere giovane anticonformista e ribelle ironico e buono.
Ciao Piero un abbraccio infinito dal tuo vecchio compagno di banco della 309.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.