Sei qui:  / Opinioni / Una vita per il giornalismo e la Costituzione

Una vita per il giornalismo e la Costituzione

 

Ci ha lasciato Piero Scaramucci, fondatore di Radio Popolare e del Gruppo di Fiesole, dirigente della Federazione della stampa e dell’Usigrai, autore di straordinarie inchieste sulla “Strage di Stato”, inviato della Rai, sempre dalla parte degli ultimi, degli oscurati, degli invisibili.

Antifascista da sempre, nemico di ogni prepotenza, aveva nel cuore la Costituzione e il suo articolo 21, anche a Lui su deve la nascita della nostra associazione.

Sino alla fine ha portato il suo contributo alle istituzioni dei giornalisti, partecipando come delegato eletto a Milano nelle liste di Nuova informazione e, anche in quella occasione, ci ha invitato a procedere sulla strada della tutela della Costituzione antifascista e antirazzista, senza nulla concedere al pessimo “spirito dei tempi” e al silenzio complice degli opportunisti di ogni natura e colore.

Sarà nostro dovere, insieme al Sindacato Lombardo dei giornalisti, alla sua comunità, ad Articolo 21, all’ANPI, a Libera trovare il modo migliore per ricordarlo, legando la sua memoria ad una iniziativa che duri nel tempo e che sappia “onorare”chi ha davvero dedicato una vita alla libertà e alla tutela della dignità, “senza distinzione di fede, etnia, condizione sociale, colore della pelle”.

Un abbraccio alla sua compagna Mimosa Burzio e sua figlia Marianna.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.