Sei qui:  / Articoli / Minacce da gruppi islamici, disposta sorveglianza per Antonella Napoli. La solidarietà di Articolo 21 e FNSI

Minacce da gruppi islamici, disposta sorveglianza per Antonella Napoli. La solidarietà di Articolo 21 e FNSI

 

Una sorveglianza con il passaggio di una pattuglia tre volte al giorno sotto l’abitazione della giornalista Antonella Napoli, questa la misura seguita alle minacce ricevute dalla giornalista, membro dell’ufficio di presidenza di Articolo 21, dal gruppo islamico Fratelli Musulmani Sudanesi dopo il viaggio nel Paese africano a inizio anno, durante il quale la reporter è stata anche fermata e trattenuta per alcune ore dalla polizia locale.
«La Federazione nazionale della Stampa italiana è al fianco della collega Antonella Napoli che, pur di raccontare storie che altrimenti resterebbero oscurate, non ha esitato a mettere a repentaglio la propria incolumità. Siamo certi che non si lascerà intimidire da quanto accaduto e che continuerà con la passione e l’impegno di sempre il suo lavoro di inchiesta e di denuncia», affermano Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della FNSI.
Giovedì, 28 marzo, alle ore 12, Antonella Napoli, con Elisa Marincola, portavoce di Articolo 21, Beppe Giulietti, preidente della Fnsi e padre Alex Zanotelli, sarà nella sede della Federazione nazionale della Stampa italiana per parlare di Sudan e presentare il nuovo magazine italiano ‘Focus on Africa’, progetto editoriale che si propone come spazio per ‘illuminare’ temi e voci africane, che saranno anche coinvolte nella realizzazione degli articoli. Saranno presenti all’iniziativa gli ambasciatori di Sudafrica, Sud Sudan e Uganda.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE