Sei qui:  / Articoli / Misteri italiani / Richiesta di archiviazione caso Alpi-Hrovatin. Ennesimo insulto alla giustizia, alla verità

Richiesta di archiviazione caso Alpi-Hrovatin. Ennesimo insulto alla giustizia, alla verità

 

La procura di Roma ancora una volta chiede l’archiviazione dell’inchiesta sulla morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. Una scelta grave confermata dalle dichiarazioni grossolane dell’avvocato Taormina che non ha perso l’occasione per continuare nella sua opera di sviare le vere ragioni per le quali Ilaria e Miran sono stati uccisi.

“… 1) si è trattato di un duplice omicidio volontario premeditato, accuratamente organizzato con largo impiego di uomini ed eseguito con freddezza, ferocia e professionalità omicida;

2) i motivi a delinquere dei mandanti ed esecutori, sono stati come dimostrato di natura ignobile e criminale, essendo stato il duplice omicidio perpetrato al fine di occultare attività illecite …” (sentenza della Procura di Roma del 24 novembre 2000)

C’è stato depistaggio. È quanto appurato nella sentenza di Perugia che ha scarcerato Hashi Omar Assan. Il depistaggio potrebbe aver accompagnato l’inchiesta fin dall’inizio e forse essere ancora in atto. Mandanti ed esecutori sono ancora impuniti. Un innocente è stato in carcere per 17 anni; Luciana e Giorgio Alpi sono morti senza avere verità. Questa richiesta di archiviazione è un ennesimo insulto alla giustizia, alla verità e alla dignità delle istituzioni preposte.

*già presidente dell’associazione Ilaria Alpi

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.