Sei qui:  / Articoli / Reportage su bambini Lesbo andrà in onda sabato sera su Tg2 Dossier senza coperture dei volti. La vittoria del buon senso dopo 3 settimane di trattativa

Reportage su bambini Lesbo andrà in onda sabato sera su Tg2 Dossier senza coperture dei volti. La vittoria del buon senso dopo 3 settimane di trattativa

 

Alla fine il veto è caduto. Il documentario Prigionieri sull’isola su Lesbo e Bihac, di Valerio Cataldi andrà in onda per Tg2 Dossier questo sabato alle 23.30 su Raidue, senza coperture sui volti dei bambini.
Questo inutile braccio di ferro avviato tre settimane a ridosso della nomina dei nuovi direttori dei Tg Rai, alla fine, si risolve ripartendo dall’inizio.

Il documentario andrà in onda con i sorrisi ed i pianti dei bambini. Con la paura e la gioia che trasmettono quei volti, che sono parte essenziale del racconto di tutte le zone di crisi, che siano zone di guerra, campi profughi, o i confini d’Europa. Come è normale che sia, come è necessario per una informazione completa che non nasconda nulla, soprattutto il dolore e la paura di chi rappresenta il futuro. Ci sono lievi modifiche ed un solo volto oscurato: quello di un ragazzino che racconta del dolore che si è inflitto da solo e dei pensieri suicidi cui è costretto da una situazione insostenibile di prigionia. Ma era stato coperto dall’inizio dallo stesso autore, proprio per la condizione di estremo disagio che ne rendeva necessaria la tutela, come richiesto dalla Carta di Treviso.

Con quei volti visibili cade quindi la sgradevole accusa di violazione della deontologia professionale, l’accusa di non aver rispettato la Carta di Treviso. Un’accusa che suonava come una vera e propria provocazione perché formulata contro un giornalista che è presidente dell’associazione Carta di Roma e che, dunque, una carta deontologica la rappresenta. Un’accusa strumentale che colpiva di riflesso anche tutte le associazioni che quella carta hanno contribuito a scrivere e che tutt’ora la sostengono con decisione perché è un argine necessario contro le parole di odio.

La battaglia sindacale che Usigrai ha condotto con il comitato di redazione del Tg2 ha portato al risultato migliore. La mobilitazione e la pressione che le associazioni hanno fatto con la lettera alla Rai sottoscritta dalle associazioni che aderiscono alla Carta di Roma,  hanno fornito un supporto importante e decisivo.

È un bel risultato e anche una speranza per quello che sarà il futuro prossimo, una base di partenza che ci dice quanto sia importante e proficuo non mollare mai.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.