Sei qui:  / Articoli / “Disegniamo e leggiamo insieme”, Mauro Biani si racconta a Casetta Rossa

“Disegniamo e leggiamo insieme”, Mauro Biani si racconta a Casetta Rossa

 

Una giornata dedicata al giornalismo di impegno e ai diritti umani, nel ricordo di Giulio Regeni. Questo in sintesi l’evento con Mauro Biani promosso dalla rete NoBavaglio  con il supporto di Articolo 21 a Casetta Rossa a Roma.

Fumettista, illustratore, vignettista, scultore, pacifista, attivista e blogger, Biani si racconterà in una conversazione con Antonella Napoli, giornalista e membro dell’ufficio di presidenza di Articolo 21 da tempo impegnata nella difesa della libertà di stampa dei giornalisti minacciati nel mondo.

“Disegniamo e leggiamo insieme… ” sarà anche un momento dedicato ai giovanissimi. Oltre a parlare di giornalismo, satira politica e dell’importanza di vignette e graphic journalism sui media, nel corso dell’evento che si svolgerà  dalle 16 nel parco di Casetta Rossa alla Garbatella nell’ambito degli Incontri d’Autore, bambini e ragazzi parteciperanno al laboratorio che terrà lo stesso Biani.

Inoltre una piccola mostra ripercorrerà la satira sociale e politica del vignettista. 

Disegni e illustrazioni che ogni giorno commentano e raccontano i grandi temi e i conflitti del mondo a cominciare dalle tragedie dell’immigrazione e della guerra. E ancora: i diritti umani, il cristianesimo anticlericale, la resistenza alla repressione e la lotta alle mafie. Ma la sua ironia colora e tratteggia anche personaggi politici. Nell’ottobre 2008 una sua vignetta su “Emme”, inserto satirico dell’l’Unità, che prendeva di mira il ministro Brunetta ed esponenti del governo è stata al centro di una polemica politica e ha risollevato il tema censura nei confronti della satira. Biani, da fine 2012 sostituisce Vauro come vignettista de il Manifesto e dal 2017 disegna la rubrica “Taglio alto” su L’Espresso.

Sostiene sin dall’inizio la campagna “Verità per Giulio Regeni” e ha tratteggiato numerose tavole rotonde in cui ha ricordato il giovane ricercatore di Fiumicello assassinato al Cairo nel 2016. 

L’appuntamento a Casetta Rossa sarà anche l’occasione per fare una panoramica sui libri pubblicati di Biani. “Come una specie di sorriso”: uscito nel 2009 pubblicato col critico Nicola Cirillo, in occasione del decennale della morte di Fabrizio De André, è una raccolta di disegni ispirati al cantautore genovese. Nel 2012 sempre per Altrinformazione Biani edita: “Chi semina racconta. Sussidiario di resistenza sociale” un volume di 240 pagine a colori che raccogliere i suoi lavori ma anche i contributi di Antonella Marrone, Carlo Gubitosa, Cecilia Strada, Cinzia Bibolotti, Ellekappa, Franco A. Calotti, Gianpiero Caldarella, Makkox, Mao Valpiana, Massimo Bucchi, Nicola Cirillo, Pino Scaccia, Riccardo Orioles, Stefano Disegni, Vincino Gallo. E nel 2016 esce “Tracce migranti” (nato con il progetto di crowfunding “Satira migrante”) con la prefazione dell’ex sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini e il patrocino dell’Idos, Immigrazione Dossier Statistico curato da Franco Pittau.

L’appuntamento dunque è per domani, 6 maggio, a Casetta Rossa in via Giovanni Battista Magnaghi 14. Per info e prenotazioni per pranzo e per il laboratorio: telefono 06 8936 0511

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE