Sei qui:  / Libridine / “Nostra incantevole Italia” di Pino Corrias

“Nostra incantevole Italia” di Pino Corrias

 

Ci sono luoghi rimasti nella nostra memoria collettiva che hanno marchiato la storia di questo paese e quella di ciascuno di noi. Eventi a cavallo di più generazioni che, in una combinazione di tragedia e commedia, misteri e svelamenti, restituiscono il senso di quello che eravamo, che siamo, che saremo. Settant’anni di storia italiana da ritrovare e raccontare, coniugando cronaca e politica, per svelare aspetti ancora sconosciuti o troppo volutamente ignorati. La villa di Arcore, quella di Gelli e quella di Grillo raccontate da loro stessi, Ostia e l’ultima cena di Pasolini nella ricostruzione di Ninetto Davoli, Capaci e la cattura di Riina ricostruiti dal capitano Ultimo, i morti di Lampedusa nella testimonianza dei pescatori… Tutto si tiene, ciascuna storia ha un suo luogo e ha a che fare con il sangue, le miserie e i sentimenti della nostra vita, dalla mafia del bandito Giuliano (la strage di Portella della Ginestra) a quella di Provenzano (la strage di Capaci), i depistaggi di piazza Fontana, insieme ai drammi di Cogne, di Vermicinodel Vajont, dell’Aquila, ai rimpianti del Lingotto e del lavoro che fu, e all’eterno rito del teatro Ariston di Sanremo.

Pino Corrias ha il gusto giornalistico, la passione civile e la qualità della scrittura per offrire un’inedita “geografia” del carattere e dell’identità degli italiani, facendoci da guida in un inquietante labirinto di storie e personaggi sempre carichi di nuove risonanze, e sul cui senso non possiamo smettere di interrogarci, nella speranza un giorno di rimettere l’Italia con la testa in su.

Pino Corrias, scrittore, giornalista, sceneggiatore, vive e lavora a Roma. Tra i suoi libri più recenti: il romanzo Dormiremo da vecchi (Chiarelettere 2015, tradotto in Francia, Stati Uniti, Spagna e molti altri paesi) e i racconti Disordini sentimentali (Mondadori 2016). Si è sempre occupato di politica, costume, spettacolo, da quando sono diventati una cosa sola.

Ha scritto Vita agra di un anarchico. Luciano Bianciardi a Milano (Feltrinelli 2011); Colpo grosso (con Massimo Gramellini e Curzio Maltese, Baldini e Castoldi 1995); l’atto unico teatrale§
Il contabile e le murene (Feltrinelli 2012); il reportage Vicini da morire (Mondadori 2007). Per Raifiction ha prodotto, tra gli altri film, La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE