Sei qui:  / Libridine / Il partigiano bambino

Il partigiano bambino

 

Della storia di Gildo Moncada ne ho sentito parlare più volte prima di leggere questo libro scritto dal figlio Raimondo, attore, giornalista e scrittore agrigentino. Una storia preziosa, carica di amore e giustizia riversata su queste pagine pubblicate da Ad Est, etichetta indipendente che trova nell’antimafia e nell’attività della resistenza la propria ragion d’essere. Una storia, questa, che trasuda di emozioni e libertá. Che ci ricorda che non esiste etá per prendersi cura del nostro paese e di quello che lo circonda.

Gildo Moncada è stato partigiano, pittore e grafico. Ma anche padre e coraggioso testimone del dopoguerra che non ha mai abbandonato la politica e l’amore per la bellezza.

La prefazione é affidata alla sempre eccezionale penna di Giulio Cavalli che scrive: “La rettitudine, quando si riesce a raccontare, quando si trovano le parole giuste per scriverla e quando si ha la fortuna di averla visto passare così vicina, la nostra memoria più grande e Gildo Moncada ne è un portatore sano”. E ancora: ”Abbiamo un urgenza nazionale: innamorarsi (più forte e ancora) dei meccanismi di democrazia che sono le sentinelle della libertà di questo paese”.

L’avventura di Gildo Moncada é narrata dal figlio che riesce nell’intento di raccontare non solo il padre e la sua famiglia ma soprattutto la storia di un uomo che ha reso questo paese migliore. Tra le pagine del libro, le sensazioni e le emozioni dell’autore, si mischiano al ricordo di quanti hanno conosciuto il partigiano bambino: “Il libro – afferma lo scrittore – è un debito, un atto di riconoscenza e di risarcimento, un omaggio nei confronti di un uomo, mio padre, eterno testimone di una tragedia e di un ideale,  che per tutta la vita ha inseguito un sogno, poi mutilato dal destino. Così come è stata mutilata la sua giovinezza”.

Quella di Gildo Moncada infatti é la storia di un bambino diventato troppo presto adulto ma anche la storia di una famiglia braccata e frantumata dalla guerra, catapultata dalla Sicilia al “continente” dopo aver venduto tutto.

Una storia di resistenza che ci appartiene più di quanto pensiamo.  Una storia che merita di essere conosciuta. Gildo Moncada, l’artista con l’avventura nel cuore che descrive le meraviglie del mondo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE