Sei qui:  / Articoli / Interviste / Migrazioni / Minacce e Vittime / “Ti spaccherò il fegato”. Minacce al sindacalista catanese impegnato a sostegno degli immigrati. Intervista a Orazio Vasta

“Ti spaccherò il fegato”. Minacce al sindacalista catanese impegnato a sostegno degli immigrati. Intervista a Orazio Vasta

 

“Sei convinto che non riusciremo a raggiungerti? Sono io quello che ti spaccherà il fegato”. Così al telefono una voce, dall’accento catanese, ha minacciato nel luglio scorso Orazio Vasta, il sindacalista dell’USB di Catania e collaboratore di “Contropiano.org”, in prima linea contro l’arrivo al porto di Catania della nave “C Star” di “Generazione Identitaria”, impegnata nella missione antimigranti “Defend Europe”. “C’era tensione in quei giorni in città –  racconta Vasta ad Articolo21 – ce ne siamo accorti dalle scritte sui muri, dal passa parola di avvertimenti che arrivavano dagli ambienti dell’estrema destra catanese”. “Dopo una prima fase in cui abbiamo scelto di tenere un profilo basso, adesso abbiamo deciso di tutelare soprattutto quanti sono impegnati sul fronte antirazzista in città”.  Con il sindacalista catanese il punto sugli effetti che l’iniziativa della nave “C Star” ha provocato a Catania e sulle minacce ricevute.

Partiamo dai fatti, dalle minacce. Quando ha avuto inizio tutto?
Nel luglio scorso l’USB, la rete antirazzista di Catania e molte altre associazioni impegnate sul fronte antirazzista e antifascista hanno dato vita ad un movimento per impedire l’arrivo della “nave nera”, la C Star, al porto della città. Quando abbiamo iniziato ad organizzare questo movimento si è sparsa la voce e subito sono seguiti avvertimenti provenienti principalmente dagli ambienti dell’estrema destra catanese. Segnali che abbiamo subito compreso e che sono stati indirizzati a me e Alfonso Di Stefano, responsabile della rete antirazzista di Catania, a lungo impegnato nell’accoglienza migranti. Io sono stato preso di mira, credo, soprattutto per la mia attività di giornalista, interno ai movimenti. La collaborazione con “Contropiano.org”, in particolare, e il racconto dell’iniziativa di “Generazione Identitaria”.  Dal 20 luglio, giorno in cui abbiamo comunicato le intenzioni del movimento sui social network e dato appuntamento per la prima conferenza stampa, hanno avuto inizio le telefonate anonime e intimidatorie.

Che idea si è fatto, chi voleva intimidirvi? 

Su questi fatti ho presentato denuncia ai carabinieri e  – come ho raccontato loro –  le prime telefonate sono state fatte tutte dalla stessa persona che  parlava con accento catanese e con un rumore di fondo simile a quello di una stazione dei treni. Le frasi erano varie e tutte rivolte contro di me e contro il movimento. La più diretta è stata quella che abbiamo poi scritto nel comunicato stampa, ovvero: “Sei convinto che non riusciremo a raggiungerti? Sono io quello che ti spaccherà il fegato”. Poi le cose sono andate come sapete, la nave è stata bloccata e dopo varie vicissitudini non è mai arrivata al porto di Catania.  L’ultima telefonata però l’ho ricevuta da un altro anonimo, che questa volta in ambientazione differente e con accento sardo, ha tenuto a precisare che “il complotto del comunismo internazionale non avrebbe impedito di salvare l’Europa bianca… che loro ci conoscevano e che sarebbero venuti a Catania a a stanarci uno per uno”. Da quel momento in poi le minacce sono cessate. Inizialmente abbiamo preferito tenere un profilo basso su queste intimidazioni, soprattutto perché non sapevamo chi ci fosse dietro quelle telefonate. Poi abbiamo deciso di rendere pubblici questi episodi  anche per tutelare le tante persone impegnate su questo fronte e che operano da anni in città, soprattutto vista l’aria che si respira nelle ultime settimane…

Cosa accade a Catania, qual è la situazione adesso?

Registriamo una certa tensione in città. I vari gruppi dell’estrema destra fascista catanese, che con l’arrivo della “C Star” aveva mostrato una attiva partecipazione, con il mancato approdo hanno subito un duro colpo. Questo ha portato ad un aumento di scritte sui muri  inneggianti al fascismo e altri atteggiamenti che non notavamo da tempo.  E poi alcuni fatti ancora più concreti: ci sono stati attacchi a luoghi di aggregazione dei collettivi studenteschi che fanno riferimento alla sinistra catanese.

Perché la “C Star” aveva scelto Catania, secondo voi?

Tante ragioni ma su tutte la presenza qui dell’agenzia europea “Frontex”.  Politicamente, per un movimento come quello, questo aspetto ha un valore. A mio avviso, c’è una certa convergenza fra i programmi di “Frontex” e quelli proclamati dalla nave “C Star”: in sintesi, entrambi intendono respingere i migranti e consegnarli nelle mani dei libici. Catania non è stata scelta, dunque, a caso. Poi alcuni fatti singolari. Quindici giorni prima dell’annuncio dell’arrivo della nave “C- Star”,  in un lussuoso hotel sulla riviera catanese, si è tenuto un convegno dall’imponente organizzazione ma dalla scarsa partecipazione: venti persone, e persino arrivate da altre regioni d’Italia e vari paesi d’Europa.  Il dirigente nazionale di “Generazione Identitaria”  è stato in quelle settimane in città e poi – come gli altri attivisti – è andato via quando l’ingresso al porto è saltato.

La nave  “C Star” avrebbe fatto sosta a Catania anche per far salire alcuni attivisti, chi doveva prender parte alla missione?

Non lo sappiamo. Quello che possiamo dire è che  in città, in quelle settimane, sono arrivati giovani austriaci e/o tedeschi, appartenenti al movimento, che dopo il mancato approdo sono andati via. E’ difficile immaginare che siano arrivati senza avere punti di riferimento sul posto. “Generazione Identitaria”, non ha una sede a Catania e formalmente non fa riferimento a nessun soggetto politico ma – da quel che abbiamo potuto constare sul territorio –  guarda principalmente ai vari gruppi di estrema destra.

La vostra lettera aperta contro l’arrivo della “C Star” a l’iniziativa “Defend Europe” si rivolgeva alle autorità: qual è stata la reazione del mondo politico e istituzionale? 

Nessuna. In particolare, dal sindaco Enzo Bianco ci aspettavamo una presa di posizione sulla “C Star” e sulla propaganda della missione antimigranti, invece l’unica questione che ha posto ha riguardato l’eventualità che si potessero generare problemi di ordine pubblico in merito all’arrivo della nave.  A mio avviso, anche il governo italiano avrebbe dovuto dire la sua, in maniera chiara, su questa iniziativa. E  invece anche da lì nessuna presa di posizione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE