Sei qui:  / Opinioni / Jo non di “Piccole donne”

Jo non di “Piccole donne”

 

Si chiamava Jo come la protagonista schietta, coraggiosa, ribelle del capolavoro di Alcott. Ma era  Jo Cox, non Jo March. Jo Cox  si occupava a livello internazionale di tutto ciò che si (pre)occupa dei più deboli e in tutto ciò entrava a gamba tesa in prima persona. Come parlamentare si impegnava nei temi internazionali proiettata a discutere sulle devastazioni causate dai cosiddetti “danni collaterali” da guerre provocate  per guerre inventate da noi, così come nei temi nazionali legati alle ingiustizie dell’isolamento sociale prive di compassione e pari opportunità. Apparteneva a quella specie di Persone che, molto semplicemente, non volta la faccia da un’altra parte e, perciò, prima ancora di sapere cosa può fare per dare una mano, intanto entra dentro a ciò che guarda, che vede… E’ sicuro che gente così trova sempre il modo per rendersi poi proficuamente utile.  Per questa ragione è stata ammazzata (soppressa).

Jo è (fu…) il coraggio del sorriso spontaneo, mai artefatto,  perché è sempre con quello che si dà, che si riceve, che si condivide.
I giornali ci raccontano che l’assassino è un pazzo squilibrato appartenente a robacce naziste, peraltro di matrice statunitense: follia pura dunque! Ma da poiché  Jo era (anche) contro brexit ci può stare (?).

Ma Jo era ben altro in più! Quel “di più” che costringe la specie di Persone che non sa voltare la faccia da un’altra parte a domandarsi quanti, oltre all’insano nazi, avrebbero avuto interesse a  farla fuori da un sistema ormai radicato e conclamato.

Per dirla all’Andreotti (e ho detto tutto) : “ se l’andava cercando…

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE