Sei qui:  / Articoli / Culture / La sorpresa del Festival di Sanremo. La Rai sa ancora fare servizio pubblico

La sorpresa del Festival di Sanremo. La Rai sa ancora fare servizio pubblico

 

Il Festival di Sanremo di Carlo Conti è stato un grande successo non solo per gli ascolti da record e i 6,5 milioni di euro di attivo, ma per i contenuti. Le strisce arcobaleno portate sul palco dagli artisti: più significative che tante parole sulle unioni civili. Il maestro Ezio Bosso affetto da Sla (tra Elton John e Nicol Kidman), sulla carrozzella, con le sue emozionanti parole e la straordinaria performance musicale può aver aiutato gli spettatori a vincere i troppi pregiudizi legati al rapporto con la disabilità. Questa è la tv servizio pubblico di cui c’è bisogno, il bene comune che merita il canone.

La presenza di Bosso ha segnato uno dei picchi d’ascolto dell’intera manifestazione: oltre 13 milioni di telespettatori. Portarlo all’Ariston non è stata un’operazione semplice, il diversamente abile è ancora considerato un tabù, quattro mesi di faticosissima trattativa con la Rai. Merito di Carlo Conti che lo ha imposto e alla tenacia della giornalista Paola Severini, per nulla intimorita di fronte all’indisponibilità di certi personaggi che nulla hanno a che vedere con gli obiettivi di questa Rai. Severini da sempre si occupa di solidarietà e diritti sia sulla carta stampata che a Radio Rai. Il suo progetto Musica antidiversità avrebbe meritato anche la partecipazione del gruppo rock Ladri di carrozzelle, formato da giovani con difficoltà motorie, sette album di cui due live e una media di cento concerti l’anno al loro attivo. Sono dei big della musica leggera. Una risorsa per il prossimo Festival. Sanremo 2016 ha dimostrato che la tv generalista vive e regna insieme a noi.

La media dell’età di chi lo ha seguito è stata di 53 anni contro i 60 di Rai1, il 39,74% tra i 25 e 34 anni, oltre il 44% tra i 15 e 24. In crisi non è la tv generalista ma ciò che essa offre. Enzo Bosso; il grande Nino Frassica con la favola A mare si gioca, il bambino che aspetta invano la mano del papà che lo tiri fuori dall’acqua; l’atleta disabile Nicole Orlando dal cromosoma in più; la scuola di Ceresole Reale che continua a esistere nonostante solo due allievi, sono la dimostrazione che si può e si deve, nelle trasmissioni Rai, trovare spazi che servano a far conoscere il paese reale che non è solo quello degli scandali e della violenza. E’ dovere del servizio pubblico non inseguire solamente l’ascolto e di smarcarsi dalla bulimia dei politici di essere presenti in tv a tutte le ore e in tutti i programmi.

Fonte: “Il Fatto Quotidiano”

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE