Sei qui:  / Appuntamenti & Eventi / Articoli / Culture / “Vaccinati a morte” vince il Premio Ilaria Alpi

“Vaccinati a morte” vince il Premio Ilaria Alpi

 

Lo scorso sabato sera il servizio “Vaccinati a morte” di Vittoria Iacovella (nella foto), è stato premiato come migliore inchiesta televisiva italiana delle web tv alla XIX° edizione del Premio di giornalismo Ilaria Alpi. Alla premiazione erano presenti anche i genitori dei militari ammalatisi gravemente o deceduti a seguito delle vaccinazioni mortali, oggetto del servizio di Iacovella.  Grazie alla vittoria del servizio torna all’attenzione del pubblico la triste vicenda delle malattie che hanno colpito i militari negli ultimi anni, non in seguito al contatto con l’uranio impoverito ma ad una metodologia vaccinale sbagliata.   Come documenta l’inchiesta vincitrice, infatti, numerosi e ripetuti vaccini, spesso fatti senza rispettare i protocolli, indeboliscono il sistema immunitario di migliaia di militari, scelti dall’Esercito perché sanissimi. Queste procedure aprono le porte a malattie molto gravi, specialmente nel momento in cui vengono esposti a materiali tossici o sostanze inquinanti come l’uranio impoverito ma anche la diossina, le esalazioni di una discarica o gli agenti chimici fuoriusciti da una fabbrica.  “Siamo i genitori di alcuni ragazzi ammalatisi gravemente o deceduti a seguito di queste vaccinazioni e chiediamo di essere ascoltati – afferma Andrea Rinaldelli, uno dei genitori presenti alla serata di premiazione della XIX° edizione del Premio Ilaria Alpi- Siamo grati a Vittoria Iacovella e a ‘La Repubblica’ per aver voluto indagare su questo tema e ci auguriamo si possa tornare a far parlare di questa tragedia. Molti sono infatti i giornalisti che in questi anni hanno indagato a 360° sul tema delle conseguenze delle vaccinazioni, trovando in seguito poco o nessuno spazio presso le redazioni per raccontare questa storia al grande pubblico. Vogliamo che gli italiani sappiano come sono morti i nostri figli, vogliamo che venga restituita loro la dignità e per questo siamo qui al ‘Premio Ilaria Alpi’ e abbiamo lanciato la petizione su Change.org che ha raccolto oltre 28.000 adesioni – www.change.org/vaccinatiamorte ”.

Il video della premiazione: http://youtu.be/7xVeqaHUlOM

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE