Sei qui:  / Articoli / Misteri italiani / Viareggio. “Ci sono le elezioni”. La Rai dice no ai famigliari delle vittime

Viareggio. “Ci sono le elezioni”. La Rai dice no ai famigliari delle vittime

 

Si erano dati appuntamento di fronte all’entrata principale del Carnevale in piazza Mazzini per diffondere la lettera scritta da Daniela Rombi presidente dell’associazione Il mondo che vorrei ed esporre uno striscione, addirittura, gli era stato detto, quella lettera, avrebbero potuto leggerla durante la diretta Rai dal Carnevale… Eppure, all’ultimo secondo è arrivato il rifiuto lo stesso scattato per il film di Emmott: non si puo fare ci sono le elezioni!
A raccontare la vicenda rilanciando anche una parte della missiva, il Corriere della sera in un articolo pubblicato on-line la sera stessa.

Di seguito riportiamo il testo di quella lettera per esteso:

“ Per non dimenticare …
Il nostro Carnevale è una meravigliosa manifestazione che da 140 anni rende famosa Viareggio a livello nazionale ed europeo.
Ma c’è un’altra cosa che rende tristemente nota Viareggio anche a livello internazionale: la strage ferroviaria avvenuta il 29 giugno 2009 con 32 Vittime che riposavano al sicuro delle loro case, decine di feriti che porteranno sempre i segni di quella notte, un intera strada distrutta: è stata la più grave tragedia ferroviaria nel nostro paese.
“Il Mondo che Vorrei” onlus, l’Associazione dei familiari delle Vittime, ringrazia di cuore cittadini, Enti e associazioni che ci sono state vicine, ma abbiamo ancora bisogno di voi: tra poco inizierà l’udienza preliminare del processo, momento importante in cui il giudice deciderà chi va al processo. Per ottenere Verità, Giustizia e Sicurezza è necessario che gli Amministratori delegati delle 9 società coinvolte e i 32 imputati affrontino un giusto processo, in modo che il sistema che ha prodotto questa strage venga ripulito e finalmente si operi avendo presente come massimo obiettivo la Salute e la Sicurezza dei cittadini, dei viaggiatori, dei ferrovieri.
Non è ammissibile né concepibile pensare di risanare i bilanci di un’azienda come le ferrovie risparmiando sulla manutenzione, sui controlli, sulle ispezioni … non è concepibile, né accettabile risparmiare in sicurezza per investire sull’Alta velocità.
Non è concepibile, né accettabile definire la strage di Viareggio come “uno spiacevolissimo episodio” o “se accade un incidente in ferrovia sembra che caschi il mondo”: per noi il mondo si è concluso il 29 giugno 2009!
Non è concepibile, né accettabile che se un ferroviere mette la propria competenza gratuitamente al servizio dei familiari venga prima intimidito, poi sospeso ed infine licenziato. E’ accaduto anche questo!
Il Carnevale è vita, è allegria e noi, nonostante tutto, con il nostro dolore vogliamo vivere perché la vita è meravigliosa ma, al contempo, non dimentichiamo cosa è accaduto, non dimentichiamo chi non gode per il 4° anno del Carnevale, chi non torna a casa questa sera e chiediamo con tutto il cuore anche a voi di non dimenticare, come troppo spesso è accaduto nel nostro paese, ma di esserci vicino in questa battaglia di dignità e civiltà.
NON DIMENTICHIAMO!                                                        

Grazie per attenzione
Viareggio, 12 febbraio 2013                                  
                                                                             Daniela Rombi, presidente
                                                                         dell’Associazione “Il Mondo che vorrei”
                                                                Vittime del disastro ferroviario di Viareggio

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE