Sei qui:  / Articoli / Interni / Lavoro / Morti sul lavoro, petizione: venga rivisto il testo unico 1124/1965 che regola il risarcimento per gli infortuni e le morti sul lavoro

Morti sul lavoro, petizione: venga rivisto il testo unico 1124/1965 che regola il risarcimento per gli infortuni e le morti sul lavoro

 

L’assegno di rimborso una tantum di spese funerarie, di euro 1936, 80 consegnato dall’Inail a Paola Armellini, la madre di Matteo, l’operaio morto il 5 Marzo 2012, schiacciato sotto il crollo del palco per il concerto di Laura Pausini a Reggio Calabria, suona come un “pugno nello stomaco”.

E’ vero che la vita di una persona non ha prezzo, ma risarcire la famiglia con una cifra assurda è davvero una presa in giro, l’ennesima umiliazione!
L’Inail ci tiene a precisare che “non poteva dare di più”: e che questi soldi non sono un risarcimento, ma “il contributo per le spese per il funerale”.

La si può mettere come si pare, fatto sta che la vita di Matteo Armellini è stata valutata dall’Inail solo euro 1936,80!
L’articolo 85 del Testo unico 1124/1965 prevede che hanno diritto alla rendita a superstite, in caso di infortuni mortali, coniugi e figli e, se assenti, gli ascendenti viventi e a carico del defunto, che contribuiva quindi al loro mantenimento”.
Visto che Matteo Armellini non aveva nè moglie, nè dei figli e che non contribuiva al mantenimento dei suoi genitori, la sua famiglia non ha diritto ad una rendita mensile.
In questi giorni ho letto di tanta indignazione a livello politico, peccato però, che come spesso, anzi, sarebbe meglio dire, come sempre accade in Italia, questa indignazione non si è tradotta in dei fatti concreti.
Nè il Governo Monti, nè la maggioranza che l’appoggia (Pdl, Pd,Udc), ha detto una sola parola, sul fatto che andrebbe profondamente modificato il testo unico 1124 del 30 giugno 1965, che regola l’indennizzo e il risarcimento per gli infortuni e le morti sul lavoro a cui l’Inail è tenuto.
Neanche il Ministro Fornero, che ha detto più volte che “la sicurezza sul lavoro sarà centrale nel lavoro del governo e nel suo impegno personale, ha detto nulla.
Inoltre, che il “tesoretto” Inail, derivante dagli avanzi di bilancio annuale, che è depositato presso un conto infruttifero del Ministero del Tesoro, che ammonta a ben 18,5 miliardi di euro, venga utilizzato dallo Stato Italiano per ripianare i debiti, lo trovo una cosa scandalosa, una vergogna!
Chiedo quindi al Governo Monti, che sia rivisto quanto prima il DPR 1124/1965 “Testo unico assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali” e l’utilizzo del “tesoretto” Inail, i cui soldi dovrebbero essere usati per tutelare meglio gli infortunati sul lavoro, per aumentare le rendite “da fame” agli invalidi sul lavoro e per aumentare le rendite ai familiari delle vittime del lavoro.

Perchè la vita di un operaio, non venga più valutata solo euro 1936,80 euro.

*  Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza-Firenze

N.B Chi vuole aderire alla petizione, invii un’email di adesione a: bazzoni_m@tin.it indicando nominativo, azienda, qualifica e città

Adesioni:

1)Carmine Tomeo, RSPP – Vasto (CH)
2)Andrea Bagaglio -medico del lavoro – Mercallo ( VA )
3)Massimiliano Perugini, Pubblica Istruzione, Docente scuole medie, Monterotondo (Roma)
4)Andrea Coppini, Rls, Prato
5)Mimmo Giannattasio, Resp.le Coordinamento Salute, Ambiente e Sicurezza CISL Taranto
6)Samanta Di Persio, scrittrice, autrice libro “Morti bianche”, L’Aquila
7)Gianni Alioti, responsabile Ufficio Salute e Sicurezza Fim-Cisl Nazionale.
8)Anna Vitale,vedova di Giovanni Di Lorenzo,morto sul lavoro,Nola (NA)
9)Marco Spezia, Ingegnere e tecnico sicurezza sul lavoro, La Spezia.
10)Antonello Gisotti, Ufficio Comunicazione Fim-Cisl Nazionale
11)Fabio Di Valentino Tecnico della Prevenzioneo ASL RM G (RM)
12)Gino Carpentiero Medicina Democratica sezione Pietro Mirabelli – Firenze
13)Claudio Gandolfi, “cittadino militante”, Bologna
14)Rolando Dubini, avvocato del foro di milano, consigliere Aias
15)Antonella Federzoni, disoccupata Civitavecchia
16)Lucia Taddei, Castelfiorentino, assistente di biblioteca nel comune di Castelfiorentino, Cobas empoli-valdesa
17)Aderiamo alla petizione, Lavoratori Autorganizzati Ministero dell’Economia e delle Finanze, Roma
18)Giuseppe Tadolini, medico ospedaliero, Ausl di Ravenna
19)Rosario Iaccarino, Ufficio Formazione Fim Cisl Nazionale
20)Marco Bentivogli, Segretario Nazionale, FIM CISL
21)Francesco Racalbuto, Asl n 1 Agrigento
22)Alberto Monticco, Segretario Nazionale Fim-Cisl
23)Impiccini Luciano, YKK Snap Fasteners Italia S.p.A. Contrada Valle Cupa, Colonnella (TE), direttivo Fiom Teramo
24)Lorenzo Tamarri Segreteria FIM-CISL BOLOGNA
25)Andrea Spisni, Coordinatore S.I.R.S. Servizio Informativo Rappresentanti Sicurezza Regione Emilia Romagna e del SIRS di Bologna
26)Giuseppe Longo, SMQ CONSULTING, DELEGATO FIM CISL CARBONATE (CO)
27)Luigi Villani, SW Engineer – Thales Italia (ASD), Via Mattei, 1 – 20064 Gorgonzola (MI)
28)Fabrizio Ricci – giornalista – Perugia
29)Marco Lenci, Service Engineer, Siemens Spa, Milano
30)Andrea Simonetta, Matica System, Impiegato RLS/RSU FIM, Paderno Dugnano (MI)
31)Leonildo Morisi, formatore sulla sicurezza, Modena
32)stefano ostoni, ansaldo sistemi industriali ( nidec group), tecnico elettronico, delegato r.s.u. e r.l.s., milano
33)Edoardo Aldegani, DG Impianti, RSU Milano
34)medici vincenza, Inail, la spezia
35)medici sabima – la spezia – fisioterapista Don Gnocchi
36)orlandini ilaria – la spezia – studentessa DAMS Bologna
37)Orlandini Cesare – santo stefano di magra – commerciante in proprio
38)Tinfena Maria – Ponzano Magra (santo stefano magra) – casalinga
39)laringi veronica – fosdinovo – casalinga
40)Ferriani Davide, magazziniere, Bologna
41)Iolanda Mercurio RSPP Milano
42)Antonio Boccuzzi, deputato PD
43)Mariano Santrone, AZ. S.A.C.M.E. PESSANO CON BORNAGO,QUALIFICA R.L.S. R.S.U. OPERAIO
44)Ortu fabrizio, lavoratore dalla Bitron s.p.a Cormano, R.s.u F.I.M CISL MILANO
45)Fabio Giudice, Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza
46)Gianfranco Gasbarro segretario nazionale FIM CISL
47)esther benvenuti delegata cgil ed rsu – croce rossa italiana – firenze

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE