Sei qui:  / Articoli / Interni / Assisi, il sindaco Ricci disattende delibera del Tar che annulla la Giunta

Assisi, il sindaco Ricci disattende delibera del Tar che annulla la Giunta

 

Il Tar dell’Umbria ha annullato la Giunta di Assisi, a seguito del ricorso di associazioni e partiti politici, per mancanza di donne nella Giunta. Una decisione, quella del Tar, tutto sommato scontata visto che la giurisprudenza in questi casi è ormai univoca nell’affermare l’obbligatorietà di garantire la presenza di uomini e donne nelle pubbliche amministrazioni. E’ sorprendente e mortificante, invece, la decisione del sindaco di Assisi, Claudio Ricci (nella foto), di disattendere la delibera del Tar e di riconfermare con un nuovo decreto la Giunta di prima: gli stessi 5, tutti maschi. La giustificazione è che la scelta degli assessori è caduta sui 5 candidati che alle ultime elezioni hanno preso più voti.

Lo spirito della legge è un altro e stabilisce che gli assessori non possono essere consiglieri comunali, proprio per consentire ai sindaci la possibilità di scegliere in un amplissimo ambito sociale la squadra di governo. Ma Ricci, ricordiamolo, è il sindaco dell’ordinanza contro chi chiedeva l’elemosina (chissà cosa avrebbe detto S.Francesco…), lo stesso che ha impedito la divulgazione via internet delle sedute del Consiglio comunale, la riapertura delle fontanelle pubbliche e altre amenità del genere, e per lui quel che conta è non modificare l’equilibrio precario fra le forze che compongono la maggioranza. Scarsa la sua sensibilità per la parità di genere, il pluralismo, del fatto che una città come Assisi – così importante in termini simbolici per essere la patria di san Francesco, la capitale della Pace, il luogo di incontro fra le culture e le religioni – dovrebbe esprimere sempre messaggi di dialogo, di confronto, di tolleranza e di solidarietà. Un danno all’immagine di una città che non solo è patrimonio dell’Unesco, ma che addirittura si candida ad essere Capitale europea della cultura nel 2019. Una città che le coscienze libere, gli ecologisti, i pacifisti e i pacifici di tutto il mondo hanno eletto a propria patria ideale. La decisione del sindaco di Assisi tradisce anche questi cittadini del mondo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE