Siria, liberati i 4 giornalisti francesi rapiti! Aspettando Padre Dall’Oglio

Folla, sorrisi e aria di festa davanti al portone della radio francese Europe1. Tanta gente nonostante sia vigilia di Pasqua.E lo si capisce in fretta perché accanto al portone campeggiano le gigantografie…

Ora Calabria: Fnsi, sconcerto per blocco uscite

“Troviamo sconcertante e inaccettabile la decisione di cessare le pubblicazioni dell’edizione cartacea e oscurare il sito internet de ‘l’Ora della Calabria’, assunta dal liquidatore Giuseppe Bilotta nel primo giorno di sciopero proclamato dai giornalisti, preoccupati dal grave stato di incertezza sul destino della testata e dei circa settanta lavoratori”. Il segretario generale della Fnsi, Franco […]

Rai: Renzi, tagli per 150 milioni. Fnsi: “non è soprammobile di cui disfarsi”. Usigrai: “non indebolire presenza territorio”

“Il taglio di 150 milioni di euro per la Rai rischia di avere un impatto pesante per l’azienda e l’occupazione anche dell’indotto audiovisivo. Si tratta di un taglio netto lineare, di dubbia legittimità perché lede il principio di indipendenza economica dei Servizi pubblici dai governi, e fuori da qualunque discussione sullo sviluppo e il futuro”. […]

“L’omertà già di per sé è mafia”. Aggredito il giornalista Paolo Borrometi

Può risultare più arduo di quanto non sembri fare giornalismo in una bella e tutto sommato tranquilla provincia come quella di Ragusa (o in ciò che ne rimane, al netto di riforme amministrative vere, preannunciate o presunte…) Lo sa bene Alberto Spampinato, quirinalista dell’Ansa e fratello di Giovanni, corrispondente da Ragusa de “L’Ora de l’Unità” ucciso […]

Molti nemici, molto onore? (I Tg di venerdì 18 aprile)

I Tg delle 20 presentano titoli fotocopia che, in successione, parlano di Renzi, di Napolitano e della difesa delle forze dell’ordine fatta da Alfano. Anche i contenuti si assomigliano. Nel caso della lettera del Presidente, ad un anno dall’inizio del suo secondo mandato, per così dire, verba volant, scripta manent, e quanto affermato da Napolitano in […]

Dispar condicio

Dura lex, sed lex. Almeno, dovrebbe. Sempre per usare il latino, il monito dovrebbe valere anche per la “par condicio”. Vale a dire il rispetto delle pari opportunità tra i diversi soggetti nelle presenze radiotelevisive, soprattutto in campagna elettorale. Ora che si avvicinano scadenze delicate come il voto europeo e quello amministrativo, lanciare un grido […]

Fnsi condivide con Cdr e Rsu la preoccupazione per il disinvestimento in atto a La7

E’ condivisa dalla Fnsi la preoccupazione sul disinvestimento di interi settori produttivi a La7 annunciata dai lavoratori. Con la logica di tagli lineari dei costi imposta a fornitori esterni e a decisive strutture interne dell’emittente, si mette a rischio un pezzo importante dell’informazione del nostro Paese. Il Sindacato nazionale dei giornalisti è, dunque, al fianco […]

La Cassazione annulla senza rinvio il sequestro di telefoni, pc, agende e pen drive del giornalista Consolato Minniti de “L’Ora della Calabria”

Storica sentenza della VI Sezione Penale della Suprema Corte di Cassazione (Carribba Presidente – Iacoviello PG) che, in accoglimento dei motivi di ricorso elaborati dall’avvocato Aurelio Chizzoniti, in difesa di Piero Sansonetti già Direttore dell’Ora di Calabria e Consolato Minniti (nella foto) Capo Servizio della redazione…

Ossigeno per l’Informazione: “150 cronisti italiani vittime di minacce e abusi nel 2014″

Con il progetto “Safety Net for European Journalists”, coordinato dall’Osservatorio Balcani e Caucaso (OBC) di Rovereto, sostenuto dalla Commissione Europea, la difesa della libertà di informazione basata sul monitoraggio delle intimidazioni a giornalisti e blogger e sull’assistenza alle vittime, condotta in Italia da “Ossigeno per l’Informazione, si è estesa ad altri dieci paesi. Lo hanno annunciato […]

Qualche volta tornano (I Tg di giovedì 17 aprile)

Ripreso per ben tre volte (testa, centro e coda) da Studio Aperto; 8 minuti in apertura per TG4, 7 per TG5. Stiamo parlando del ritorno di Berlusconi e dell’accoglinza dei 3 Tg di famiglia, tanto per ribadire che in campagna elettorale gli effettivi e le munizioni vanno utilizzati al 100%. Sulle altre testate l’illustrazione delle […]

Il complotto dei media pro Grillo

Nel tentativo di favorire il nuovismo di Matteo Renzi, i media più importanti, telegiornali pubblici e grandi giornali, hanno trasformato le elezioni europee in un referendum pro o contro il governo, dove “pro” significa votare Pd e “contro” equivale a votare M5S. In questo modo, ovviamente, fanno un enorme favore a Beppe Grillo. Senza l’aiuto dei media le elezioni europee sarebbero un serio problema…

Volontariato involontario

I Tg di martedì 15 aprile – Tutte le testate, con l’esclusione di Tg5, aprono su Berlusconi e Cesano Boscone, ridente periferia milanese che, ci scommettiamo, per lunghi mesi sarà assediato da troupe e fotografi nel tentativo di immortalare la rieducazione dell’ex Cavaliere, contradditoriamente obbligato a a svolgere azioni di volontariato. I toni sono, ovviamente, diversi … LEGGI L’OSSERVATORIO […]

Editoria: da crisi si esce con giornalisti protagonisti, per un’ informazione di qualità

“Dalla crisi dell’editoria si esce se i  giornalisti sono protagonisti. L’elemento umano professionale è centrale su quello organizzativo industriale, come dimostra l’evidenza di tutte le indagini specialistiche e di ogni studio sull’impatto delle azioni di ristrutturazione sin qui seguite. L’ha riconosciuto anche la Fieg che, pur in un contesto problematico per l’equilibrio dei conti imprenditoriali, con […]

Ricordiamo Vittorio Arrigoni
tornando a raccontare il dramma di Gaza

Sono ormai tre anni che Vik non è più tra noi. Tre anni dolorosi, per i suoi familiari e amici, prima di tutto, per quanti hanno avuto modo di sfiorarlo nella sua breve, intensa, generosa vita, e, forse, ancora di più per i palestinesi della Striscia di Gaza, dove Vittorio Arrigoni aveva deciso di vivere, […]

“Restiamo umani”. L’invito di Vittorio

Ci sono guerre che fanno rumore e altre che invece annegano nel silenzio. Ma non sono le bombe e i proiettili e fare la differenza tra le due, bensì l’indifferenza. A noi, che viviamo sicuri nelle nostre tiepide case, il rumore assordante della guerra arriva in differita nel telegiornale. Basta premere il pulsante e stop, silenzio. Pace. Chiaramente così non è, tuttavia questa comoda illusione regge bene il gioco alla nostra voglia di tranquillità. Eppure ci sono guerre che non hanno neanche quel veloce passaggio nel palinsesto ed appaiono come nomi esotici…

In “media”s res (I Tg di mercoledì 16 aprile)

E’ una “notizia” che nelle Aule parlamentari  gli onorevoli scorretti finiscano espulsi dai Presidente di turno? L’odierna bagarre sia alla Camera (i leghisti contro Alfano sulla questione immigrazione) che al Senato (i Cinque Stelle contro l’approvazione del voto di scambio) è in apertura su tutti, con l’esclusione di Studio Aperto e Tg4 che privilegiano gli scontri nella […]

“A SINISTRA!” Un futuro possibile

Oggi, martedì 15 aprile esce in libreria “A Sinistra! Un futuro possibile”: 10 interviste sul futuro della sinistra a Stefano Rodotà, Maurizio Landini, Dacia Maraini, Nichi Vendola, Fiorella Mannoia, Giuseppe Civati, Moni Ovadia, Vauro, Michele Giarrusso, Francesco Campanella. Il libro (Melampo editore, pag. 168, € 10) è curato dai giornalisti di Articolo21 Stefano Corradino e Giorgio Santelli

Il Portavoce e il poliziotto (I Tg di lunedì 14 aprile)

Se esiste ancora il diritto di indignarsi, se esistono ancora dei confini a ciò che non può essere “sdoganato” nell’acquiescenza generale, questa è la sera in cui ci si deve indignare e lavorare per correre ai ripari. In grande rilievo su tutti i Tg due storie immonde: il poliziotto vigliacco che sale con tutto il […]

Le risposte nuove del sindacato per rispondere alla crisi e guardare al futuro

Può – e come – la crisi diventare un’opportunità di cambiamento per i giornalisti europei e per i loro sindacati? La strada è impegnativa e nient’affatto banale. Anche perché le gravi difficoltà economiche degli ultimi anni si sono innestate su una trasformazione tecnologica radicale del mondo dell’informazione e sull’avanzata del giornalismo digitale, ancora poco comprese […]

A domanda (non) risponde…. (I Tg di venerdì 11 aprile)

Certe cose i giornalisti dovrebbero averle imparate. Una collega distratta o poco attenta del Tg3 ha invece tentato di fare delle domande a Beppe Grillo, con l’obbiettivo infantile di ottenere riposte. L’argomento sono state le “veline” capilista del Pd alle europee, forse oggetto di una critica sessista. Forse, perché Beppe Grillo non ha risposto e […]

Servizio pubblico

Mi piace l’idea che oggi Torino è protagonista d’importante laboratorio in previsione della nuova convenzione che, a partire dal 6 maggio 2016, regolerà il  Servizio Pubblico Radiotelevisivo affidato in esclusiva alla Rai dalla Legge 177/05. Mi piace perché è a Torino che nacque ciò che oggi è la Rai. E, anche solo per scaramanzia, sarei […]

Frequenze stregate

“L’aria serena dell’ovest” è un film di Silvio Soldini, che ben rappresenta l’atmosfera della Milano da bere degli ultimi anni ottanta. Quelli, in controluce, della (ir)resistibile ascesa di Mr. Berlusconi. E’ passata una vera e propria era geologica da quel tempo. Il mondo si è globalizzato e la rete ha più utenti della vecchia televisione. […]

Rds licenzia il cronista parlamentare Paolo Dal Dosso. “E’ una ritorsione”

Si tratta di una ritorsione bella e buona – dichiara il segretario Asr Paolo Butturini – che colpisce un collega reo di aver aperto una vertenza con l’azienda di Eduardo Montefusco per l’agibilita’ sindacale interna

Affidabili e inaffidabili (I Tg di giovedì 10 aprile)

Berlusconi è, per il sostituto Procuratore di Milano, “affidabile”, almeno per quello che riguarda i servizi sociali. Se ne saprà di più con la sentenza entro 10/15 giorni. Tutti i Tg, a partire da quelli delle 19, fanno in tempo ad annunciare l’attesissimo orientamento del Tribunale di Sorveglianza. Quelli Mediaset, e soprattuttoTg4, si scatenano nella […]

Editoria: risorse, legge, stabilità, strumenti di politica industriale e per lavoro, non spesa assistenziale. Fare presto con piano spesa

Gli interventi per l’informazione e l’editoria previsti dalla legge di stabilità sono strumenti di politica industriale e per il lavoro che debbono trovare coerente attuazione già a partire dalle prossime settimane. Le risorse pubbliche previste, in questo quadro, non possono essere perciò considerate alla stregua degli aiuti…