Minacce al Tirreno: comitato per l’ordine pubblico con Odg e Ast a Pistoia. Indagini in corso e redazione sorvegliata

0 0

In seguito alle gravi minacce contro la redazione del Il Tirreno di Pistoia, e in attesa del tavolo nazionale che il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha annunciato per la prossima settimana, il prefetto di Pistoia, Gerlando Di Iorio, ha riunito in teleconferenza il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. Invitati il direttore de Il Tirreno, Stefano Tamburini con il responsabile della redazione di Pistoia, Paolo Toccafondi, la segretaria dell’Ordine dei giornalisti della Toscana, Silvia Motroni (accompagnata da Maurizio Gori di consiglio di disciplina), e il sindacato dei giornalisti, l’Associazione Stampa Toscana, rappresentata dal presidente, Sandro Bennucci, che ha ringraziato il prefetto per l’interessamento anche a nome del presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti, e del segretario generale, Raffaele Lorusso.

Il prefetto Di Iorio ha informato che la redazione pistoiese de Il Tirreno è stata posta sotto sorveglianza e che le indagini sulle minacce  (c’è chi si è augurato che la sede potesse saltare in aria con  bilancio di morti e feriti…) sono state avviate dalle forze dell’ordine e dovrebbero essere concluse rapidamente con un’informazione dettagliata alla magistratura. Il prefetto, dopo aver manifestato solidarietà e vicinanza a tutti coloro che lavorano in prima linea sul fronte dell’informazione, si è dichiarato disponibile a convocare un nuovo tavolo in vista di ulteriori sviluppi del caso. Ordine e Assostampa hanno ringraziato Di Iorio per l’iniziativa anche a nome di tutti i colleghi che stanno vivendo momenti di preoccupazione per il clima che si è creato intorno al lavoro dei giornalisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.