Malta, l’inchiesta su Mizzi si allarga. Riflettori puntati su un traffico di influenze

0 0
L’ex ministro Konrad Mizzi è stato interrogato martedì scorso per delle conversazioni sospette che lui ha avuto con Yorgen Fenech, un ex azionista di Electrogas e il presunto mandante dell’assassinio di Daphne Caruana Galizia. Mizzi è stato portato per essere interrogato la sera di martedì e la notte è stato trattenuto alla stazione di polizia. Lui deve affrontare un ulteriore interrogatorio.  Il giornale Times of Malta ha citato delle fonti che dicevano che a Mizzi è stato chiesto dei suoi contatti con Fenech che risalgono a circa due anni fa.
L’investigazione sulla comunicazione tra il ministro di quei giorni e Fenech, che in quel periodo era il dirigente dell’impero d’affari del Tumas Group, fa parte di un’indagine molto più ampia che comprende il sospetto di traffico d’influenza. Tutto è cominciato quando la polizia ha preso il telefono di Fenech quando questi è stato arrestato l’anno scorso in connessione con l’assassinio di Daphne Caruana Galizia. Anche l’ex capo di gabinetto di Joseph Muscat, Keith Schembri, sta subendo un interrogatorio dalla polizia per le conversazioni sospette con Yorgen Fenech.
Schembri è stato arrestato la mattina di mercoledì, poche ore dopo l’ex ministro Konrad Mizzi. Questa è la terza volta in meno di un anno che Keith Schembri è stato arrestato dalla polizia.