Sei qui:  / Articoli / Interni / Emilia Romagna. Il pesce azzurro ha divorato lo squalo

Emilia Romagna. Il pesce azzurro ha divorato lo squalo

 

Alla fine il pesce azzurro, povero ma nutriente, ha divorato lo squalo.
Ed ora a quale citofono andrà a bussare “il felpa” che aveva già annunciato che, dopo il voto emiliano, sarebbe andato a sfrattare Conte e il suo governo?
Seguiranno, anche su questo sito, analisi più ricche e fondate sull’analisi dei dati, ma intanto bisogna prendere atto che Salvini ha perso la sfida più importante, perché  lui medesimo l’aveva così definita. Ha lanciato il guanto di sfida e ha perso il duello.
La sua marcia, dunque, non è inarrestabile, soprattutto quando la bandiera della Costituzione antifascista viene impugnata da migliaia di donne e di uomini che si riappropriano della politica.
In Emilia Romagna ha vinto un candidato credibile e popolare e che ha percorso comune per comune, una squadra coesa, liste di appoggio unitarie e capaci di parlare a differenze e diversità.
Hanno vinto anche e soprattutto le Sardine che, a dispetto dei tanti soloni dispensatori di ironie e disprezzo, hanno riempito le piazze e le urne, ridando orgoglio ai tanti dormienti e delusi, anche e soprattutto nel centro sinistra.
Hanno dimostrato che è possibile contrapporre alla violenza delle “Bestie” una proposta fondata sulla gentilezza, sull’ironia e sui valori che hanno ispirato la nostra Costituzione.
Una lezione da non dimenticare e che andrà coltivata con cura amorevole, senza cercare di strumentalizzare questo patrimonio di energie vitali.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE