Sei qui:  / Articoli / Lavoro / 535 morti per infortuni dall’inizio dell’anno

535 morti per infortuni dall’inizio dell’anno

 

In questi primi 5 mesi del 2019 sono morti 535 lavoratori per infortuni, di questi 270 sono morti sui LUOGHI DI LAVORO (esclusi i morti sulle strade e in itinere). Registriamo un calo dell’8,17 rispetto ai primi 5 mesi del 2018. Ma occorre su questo aspetto delicatissimo fare la massima chiarezza. Il 2018 è stato un anno disastroso, l’Osservatorio monitora tutti i morti sul lavoro e non solo gli assicurati INAIL. Partendo da un numero molto più alto di vittime rispetto alle denunce che arrivano all’INAIL (sono denunce che arrivano dal territorio e molte di queste non verranno riconosciute). Quindi è per questo che noi registriamo un calo e non un aumento come registra INAIL nei primi 4 mesi del 2019. Partiamo da un numero molto più elevato di morti sui LUOGHI DI LAVORO. E poi che nessuno si prenda il merito di questo calo: è dovuto solo alla casualità e all’enorme numero di morti sul lavoro registrati nel 2018, il più disastroso in assoluto da quando è stato aperto l’Osservatorio il 1° gennaio 2008. Anche da questo governo non è stato messo in campo niente che può aiutare concretamente a diminuire il numero di morti.

Dei 270 morti sui LUOGHI DI LAVORO del 2019 ben 82 sono morti in agricoltura, che rappresentano da soli il 30% dei morti di tutte le categorie . Di questi ben 44 sono stati schiacciati dal trattore(il Ministro Centinaio che sta facendo per questa piaga? Sono già 145 gli schiacciati dal trattore da quando è ministro) . La seconda categoria per numero di morti è l’edilizia con 54 vittime sui luoghi di lavoro e rappresentano il 18,37% sul totale delle morti. Sono 33 gli autotrasportatori, raggruppati tutti nella stessa categoria sono il 12,22% sul totale. Segue l’industria con 31 morti e rappresentano l’11,48%. Seguono una miriade di figure che non stiamo ad elencare. Impressionante vedere che ben 66 di questi morti sui luoghi di lavoro ha più di 61 anni e rappresentano da soli il 24,4% di tutti i morti sui luoghi di lavoro, muoiono in tantissimi di questa età in agricoltura e in edilizia. Ma sono 18 i morti sui luoghi di lavoro che hanno perso la vita avendo meno di trent’anni. Sono la Lombardia, la Sicilia, la Campania e il Lazio le Regioni che guidano questa triste classifica. Sono le Province di Roma, di Milano, di Palermo, di Verona ad avere il numero più alto di morti sui luoghi di lavoro. Sono 37 gli stranieri che hanno perso la vita sui luoghi di lavoro e rappresentano il 13,7%. È la Romania con 8 morti la nazionalità con più vittime, segue l’Albania con 5.

Per approfondimenti andare nel sito dell’Osservatorio http://cadutisullavoro.blogspot.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.